Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid oggi Italia, contagi su: rischio Natale in zona gialla

I contagi covid aumentano in Italia, l’indice Rt sale come l’incidenza. Crescono i numeri dei ricoveri, ma tutto il paese rimane zona bianca: nessuna regione oggi si sposta in zona gialla ma lo scenario può cambiare nelle settimane che portano a Natale. Il bollettino di Protezione Civile e ministero della Salute certifica altri 8.516 contagi e 68 morti. 

Lombardia, Lazio e Veneto archiviano una giornata con oltre 1.000 casi a testa. Il quadro nazionale è completato dai dai del monitoraggio dell’Iss: l’indice Rt sale fino a 1,21, l’incidenza raggiunge 78 casi di coronavirus su 100mila abitanti. Il tasso di occupazione da parte di pazienti covid in terapia intensiva è al 4,4%, in salita rispetto al 4,0% rilevato una settimana prima, il 4 novembre. In salita anche l’occupazione dei reparti di area medica che si attesta al 6,1% rispetto al 5,3% del 28 ottobre. I dati dell’ultimo monitoraggio danno il Friuli Venezia Giulia ad alta probabilità di progressione verso un rischio alto, la Calabria unica regione a rischio basso e tutte le altre regioni e province autonome sono classificate a rischio moderato. 

“In tutte le Regioni c’è un aumento della circolazione del virus e questo si traduce in un aumento dei casi”, dice presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro. “La mappa europea, anche questa settimana, mostra un’Europa divisa in due e le parti confinanti con la zona orientale sono maggiormente in rosso -aggiunge – La circolazione del virus sta aumentando. Le curve ci mostrano come anche nel nostro Paese i casi sono in crescita, ma più contenuta rispetto ad altri Paesi. In Europa la circolazione è in netto aumento”. 

L’analisi del contagio evidenzia che negli ultimi 7 giorni si concentra una crescita dei casi nelle fasce d’età intermedie, 30-39 anni e 40-49 anni, che poi hanno la quota di popolazione non vaccinata più significativa, e tra i giovani dove ancora non è raccomandata la vaccinazione”. Riflettori puntati sulla ‘classe’ 5-11 anni, in sostanza: “L’analisi dei casi pediatrici di infezione da Sars-CoV-2 ci mostra come, sostanzialmente, anche in questa fascia di età ci sia una circolazione aumentata del virus, in particolare nella popolazione sotto i 12 anni”. 

Manca poco più di un mese a Natale. “In questo momento è difficile fare previsioni, a meno che non si abbia la palla di vetro”. Non possiamo “sapere quale sarà l’andamento nelle prossime settimane, perché potrebbero cambiare i comportamenti. Potrebbe esserci, per esempio, una corsa a vaccinarsi, mentre ora c’è un po’ di stasi. E quindi è difficile fare queste previsioni”, dice il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza. 

“Non possiamo escludere un ulteriore aumento dei casi nelle prossime settimane, ma questo potrebbe non essere accompagnato da una crescita dei casi in terapia intensiva, grazie all’effetto dei vaccini e le misure prese. Ma se dovesse salire l’incidenza, alcune regioni bianche potrebbero diventare gialle: è impossibile adesso dire quando ci sarà il picco dei casi”, aggiunge.
 

Fonte: lifestyleblog.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *