Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid, le nuove regole dopo il Consiglio dei ministri: quarantena, green pass rafforzato e prezzi calmierati per le Ffp2


Sullo stesso argomento:

Via libera in Consiglio dei ministri al nuovo decreto sull’estensione dell’uso del green pass e le nuove norme per le quaranteneGreen pass rafforzato esteso a tappeto e abolizione della quarantena precauzionale per chi è protetto dalla copertura vaccinale. Quando in Italia i positivi superano quota 98mila, il Governo vieta, di fatto, una lunga serie di attività a chi non è vaccinato o non è guarito dal Covid e allenta invece l’isolamento per chi è in regola con la “tabella di marcia” vaccinale.

Per chi ha effettuato la dose booster o possiede un Green Pass rafforzato da meno di 120 giorni, infatti, non sarà più prevista la quarantena ma una forma di autosorveglianza, l’obbligo di Ffp2 e, solo in presenza di sintomi, l’effettuazione di un tampone con esito negativo al quinto giorno dal contatto con il caso positivo.

Il Governo, dunque, decide di allentare la stretta, così come richiesto dalle Regioni, allarmate dal caos creato dal sistema di tracciamento ormai in tilt. Mario Draghi e i ministri, in realtà, aspettano il parere del Cts ma poi decidono per un alleggerimento generico rispetto a quanto prospettato da tecnici e scienziati, che avevano accordato sì uno stop della quarantena per chi ha il booster, ma riservandolo solo ai lavoratori impiegati nei servizi essenziali.

Mario Draghi vara la stretta, invece, su chi non ha fatto il vaccino. Dal 10 gennaio fino alla cessazione dello stato di emergenza, infatti, servirà il Green Pass rafforzato anche per alberghi e strutture ricettive, wedding, sagre e fiere, centri congressi, servizi di ristorazione anche all’aperto, impianti sciistici di risalita; piscine e centri per lo sport di squadra e centri benessere anche all’aperto, centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto. Inoltre il Green Pass rafforzato sarà necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

I partiti di maggioranza, però, si dividono sulla possibilità di estendere il Green pass rafforzato ai lavoratori. La proposta vede favorevole il ministro della Pa Renato Brunetta, ma Lega e M5S si oppongono. Giancarlo Giorgetti, in particolare, insorge chiedendo che si arrivi ad avere un indennizzo dello Stato in casi di effetti indesiderati per chi, “di fatto”, è costretto a vaccinarsi per lavorare. “Non siamo contrari all’obbligo di super Green pass come dimostrano i precedenti decreti, ma con raziocinio”, spiega invece nel corso della cabina di regia il capodelegazione M5S. “Abbiamo sempre ragionato per funzioni: forze ordine, docenti, sanitari. Quelli a contatto con le persone. Quale sarebbe la ratio di distinguere tra un lavoratore è un disoccupato? – chiede Patuanelli – Forse a questo punto conviene ragionare sull’obbligo vaccinale”, insiste.

L’opposizione del titolare dell’Agricoltura all’estensione del Super green pass per i lavoratori, viene sottolineato, è legata a motivi “diversi, opposti” a quelli che hanno portato anche il capodelegazione leghista a dire no alla misura. Favorevole all’obbligo vaccinale ma, allo stesso tempo, convinto che un’estensione del Super Green pass a tutte le attività possa rappresentare un’arma in più per convincere le persone a immunizzarsi, invece, il Pd. La discussione, in ogni caso, viene rinviata alla prossima riunione del Governo, che potrebbe tenersi già a inizio gennaio con nuove misure da mettere in campo per contrastare il diffondersi del virus.

Le nuove misure previste nel testo in merito all’estensione del Green Pass Rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) e le quarantene per i vaccinati.

Green Pass Rafforzato
Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass Rafforzato alle seguenti attività: alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere centri congressi; servizi di ristorazione all’aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici; piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto; centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto

Inoltre il Green Pass Rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Quarantene
Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo.

Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso.

Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Capienze
Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.

comments powered by Disqus.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *