Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid, il governo: stop alle gite scolastiche e agli sport di contatto amatoriali. Le regioni: didattica a distanza per le Superiori

Stop alle gite scolastiche, attività didattiche fuori sede e gemellaggi. E’ una delle misure proposte, secondo quanto si apprende, dal governo nel corso della cabina di regia con le regioni e gli enti locali. Il provvedimento dovrebbe entrare nel Dpcm che il premier Giuseppe Conte firmerà nelle prossime ore.

Previsto anche lo stop agli sport di contatto a livello amatoriale come calcetto e basket ma non per le società dilettantistiche, affiliate a federazioni o enti, che adottano protocolli di sicurezza. 

Raccomandate le mascherine in casa con i non-conviventi
Nel Dpcm andremo a inserire la previsione delle mascherine all’aperto che abbiamo già messo in termini generali nel decreto legge. Mentre però è vincolante la norma sulle mascherine all’aperto, inseriremo una forte raccomandazione sulle mascherine all’interno delle abitazioni private in presenze di persone non conviventi». Così a quanto si apprende, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della cabina di regia tra Governo ed enti locali. «Non riteniamo di introdurre una norma vincolante – ha spiegato Conte – ma vogliamo dare il messaggio che se si ricevono persone non conviventi anche in casa bisogna usare la mascherina».

Il virologo Di Perri: “Se non volete il lockdown dimenticate anche le feste con i parenti”

Chiusura dei locali
L’esecutivo è orientato a predisporre la chiusura dei locali per le 24. Si pensa inoltre a un divieto di sosta e consumazione all’esterno dopo le 21, fatto salvo il servizio al tavolo. 

Mille persone al massimo per gli eventi sportivi

Al massimo 1000 persone agli eventi sportivi, ma verrà adottata la regola del 10 per cento della capienza all’interno degli impianti.

Coronavirus: le attività quotidiane che ci mettono più a rischio contagio secondo i medici Usa

Ai matrimoni al massimo 30 persone
Limitazioni per i matrimoni: potranno partecipare al massimo 30 persone.

Didattica a distanza per le scuole superiori
Didattica a distanza per le scuole superiori per alleggerire il trasporto pubblico. E’ questa la proposta avanzata dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, dopo un confronto – avvenuto oggi prima della cabina di regia a palazzo Chigi sul nuovo Dpcm che contiene le misure anticovid – avvenuto con i presidenti delle Regioni. La proposta – viene spiegato – sarà esaminata nei prossimi giorni.

Coronavirus: i contagi in Italia di oggi e quali sono le regioni da tenere sotto controllo

(Notizia in aggiornamento)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *