Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid, Figliuolo: “In aprile ci giochiamo tutto”

Emanuele Cremaschi via Getty Images

MILAN, ITALY – MARCH 31: Lieutenant general Francesco Paolo Figliuolo, Extraordinary Commissioner for the Implementation of Health Measures to Contain the COVID-19 pandemic, looks on as he attends a press conference at MiCo – Milano Convention Centre on March 31, 2021 in Milan, Italy. Lombardy, Italy’s wealthiest and most populous region has often come under fire for its handling of the COVID-19 emergency. The region has so far administered 1.577.974 doses of vaccines – or 87,3% of the available doses – government data shows. (Photo by Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Paolo Figliuolo, commissario per l’emergenza Covid, prevede che si arriverà a mezzo milione di vaccinazioni al giorno “l’ultima settimana di aprile” che è un mese decisivo a suo avviso. “Ad aprile – dice intervistato dal Corriere della Sera – si incrocia un consistente arrivo di vaccini con la verifica delle capacità dei vaccinatori e dei punti di vaccinazione. Se il sistema regge, e mi porta ad avere 500 mila vaccinazioni al giorno a fine mese, a fine settembre chiudo la campagna”.
Da circa un mese in carico, Figliuolo vede “un’Italia che vuole uscire in fretta dalla pandemia. Ora è chiaro che bisogna mettere al sicuro le nostre radici: gli anziani; e poi i più vulnerabili”, afferma. Parlando dell’atteggiamento di alcune Regioni sulle vaccinazioni, bacchettato anche da Draghi, risponde: “Io non devo giustificare. Capisco gli atteggiamenti di qualche Regione. Io per primo ho ricevuto molte sollecitazioni, al limite della pressione, da ordini professionali che mi dicevano ‘noi siamo essenziali’”. Dopo le raccomandazioni del 10 marzo, però, “questo atteggiamento deve scomparire, perché il piano è molto chiaro. C’è una tabella di priorità. Non ci sono più margini: se abusi ci sono, sono voluti”. Interpellato sul punto debole della campagna, risponde: “Dobbiamo spingere Big Pharma a onorare gli impegni” e “sui territori ci sono cose da migliorare”. Figliuolo riferisce anche che “molti dicono: vorremmo vaccinare i nostri lavoratori. Si farà quando avremo messo in sicurezza chi ha più probabilità di esito negativo per questa malattia” ribatte. Allora , “vaccineremo in parallelo, per far ripartire il Paese”. Quando? “Verso fine maggio”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *