Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid, Brusaferro: “Il vaccino perde di efficacia dopo 6 mesi. Aumenta la circolazione del virus tra gli Unde…

«Vediamo un’Europa divisa in due con i confini orientali dell’Italia che si tingono di rosso evidenziando una crescita della circolazione del virus anche nel nostro Paese dove comunque la diffusione resta meno alta rispetto agli altri Paesi europei». Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, commentando i dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia Iss – ministero della Salute. «C’è anche un netto aumento – aggiunge – del valore dell’indice Rt ormai sopra 1 in tutte le regioni e dell’incidenza che supera i 50 casi per 100mila abitanti» precisa.

Cresce il contagio nella fascia di età 30-39 e tra i giovani: «Negli ultimi sette giorni – continua Brusaferro – le fasce di età dove si è assistito ai maggiori contagi sono 30-39 e 40-49, dove c’è la quota di popolazione non vaccinata più significativa, e quelle più giovani ancora senza vaccino».

A preoccupare è il dato relativo agli Under 12: «C’è una aumentata circolazione del virus nella fascia di età pediatrica, soprattutto sotto i 12 anni» e questo significa che «anche dal punto di vista dell’impatto dei ricoveri, sebbene con numeri limitati, parliamo di una, due o tre persone, si mostra un lieve movimento che sta a indicare l’aumentata circolazione in questa popolazione». 

Covid, Rezza: “Se incidenza dovesse alzarsi alcune regioni potrebbero diventare gialle”

Secondo Brusaferro, bisogna aumentare le dosi di terze vaccinazioni effettuate anche perché il vaccino dopo sei mesi perde di efficacia: «L’efficacia vaccinale rimane molto elevata per ospedalizzazioni e decessi, oltre il 90%, mentre per la diagnosi, soprattutto per le fasce di età più centrali, si abbassa significativamente a partire dal sesto mese. Per questo è importante aderire alla terza dose in base alle modalità raccomandate dal ministero»

«Ci sono milioni di cittadini – aggiunge – che non hanno fatto nemmeno una dose, è estremamente importante che inizino il ciclo» ha raccomandato il presidente dell’Iss. Un buon dato arriva dagli Over 80: «I richiami hanno raggiunto il 30,4%. E per questa fascia di età è rilevante raggiungere e mantenere elevata la copertura immunitaria attraverso la terza dose». 

Covid, Brusaferro: “Proiezione dell’incidenza sopra la soglia epidemica, i casi sono destinati a crescere”

Infine, rispetto alle varianti del virus Sars-CoV-2, «ci troviamo in una fase stabile, dove la variante dominante è la Delta. Viene anche monitorata la Delta plus, che presenta casi un po’ sparsi in tutto il Paese. Ma, comunque, è una variante oggi minoritaria».

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *