Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, un week end di multe: dai rave party alla movida senza mascherine

L’ultimo weekend prima che entrino in vigore tutte le ulteriori restrizioni previste dal nuovo Dpcm per contenere il contagio da Covid-19 è stato caratterizzato da controlli e sanzioni. I numeri dei positivi, in salita da giorni, infatti, non hanno fermato i comportamenti irregolari o, semplicemente irresponsabili, del fine settimana: in tutta Italia le piazze e le strade dei locali notturni erano piene. Molti avventori non hanno rispettato l’uso della mascherina, diventato obbligatorio giovedì 8 ottobre. Per questo, come comunica il Viminale, è stato necessario aumentare i controlli. Il ministero ha reso noto che sono stati oltre 67mila i controlli individuali effettuati sabato 10 ottobre, con 471 sanzioni. Sei i denunciati perché non hanno osservato il divieto di spostamento dalla propria abitazione perché in quarantena. Quasi 8mila i negozi e le attività commerciali controllati, con 28 titolari multati. I controlli, viene sottolineato, riguarderanno nei prossimi giorni anche le feste private in casa.

Da Nord a Sud, si moltiplicano le sanzioni per mancato uso delle mascherine e per gli assembramenti da movida. A Settimo Torinese (Torino) 300 persone hanno partecipato a un rave in un capannone abbandonato, con poche mascherine e nessun distanziamento. I giovani si sono dati appuntamento attraverso i social e hanno ballato tutta la notte. Ora la vicenda è al vaglio dei carabinieri. Sempre in Piemonte, a Cerano (Novara), le forze dell’ordine hanno impedito che si tenesse un altro rave in una fabbrica dismessa: le strade d’accesso sono state bloccate e sei persone sono state denunciate. Denunciato per resistenza anche un giovane senza mascherina a Torino, dove i controlli hanno portato alla chiusura di alcuni esercizi commerciali.

A Savona, sabato sera due poliziotti sono stati aggrediti da un uomo che li ha presi a calci e pugni dopo che era stato fermato e invitato a indossare la mascherina. Gli agenti sono stati circondati da un gruppo di persone minacciose e hanno dovuto sparare due colpi di pistola in aria come deterrente. Dodici multe e un locale chiuso a Genova, mentre a Reggio Emilia, nel centro storico, 16 persone sono state multate per mancato uso della mascherina, così come il titolare di un locale. Quattro i denunciati nel centro storico di Roma, più 30 irregolarità riscontrate e 14 titolari di locali diffidati. Tra le persone sanzionate per violazione delle norme anti-Covid ci sono anche 90 partecipanti alle manifestazioni “no mask”. A Ladispoli, vicino a Roma, una donna ha organizzato una festa per il compleanno del figlio di 8 anni, pur avendo i sintomi del Covid: alla fine è risultata positiva e tutti i 60 invitati sono finiti in quarantena, con obbligo di tampone.

In provincia di Napoli un intero comune è stato “blindato”: si tratta di Monte di Procida (Napoli), dopo un focolaio di contagi esploso a una festa di nozze con 200 persone nella vicina Bacoli, con 13 positivi. A Napoli e provincia ci sono state 45 multe. E ancora: 45 persone sanzionate a Nuoro, 50 multe a Palermo nei pressi dei locali affollati di avventori. Diciannove sanzioni per violazioni alla normativa anti-Covid sono state elevate dalla polizia locale di Bari ieri sera a carico di giovani senza mascherine, nel quartiere Poggiofranco. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha raccontato di aver fatto una passeggiata tra alcuni bar di Milano, città nella quale è stata prefetto. “I tavolini erano molto ravvicinati, serve un senso di responsabilità anche da parte degli esercenti”, ha commentato. “È una battaglia che dobbiamo vincere tutti insieme, anche i titolari devono prestare la giusta attenzione al rispetto delle regole che saranno comunque oggetto di controlli da parte delle forze dell’ordine”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Misure anti-Covid, il Viminale: “Mascherina obbligatoria anche per chi fa attività motoria all’aperto”. Ecco che cosa vuol dire

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *