Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, tre comuni della Valle d’Aosta e altri due in Alto Adige diventano “zona rossa”

Tornano le zone rosse: il giro di vite anti-contagio porterà forti restrizioni per almeno due settimane in tre Comuni della Valle d’Aosta e in altri due dell’Alto Adige. Si tratta per il momento di piccoli centri in cui si sono sviluppati dei focolai. Il provvedimento con cui il governatore della Regione Valle d’Aosta, Renzo Testolin, dichiarerà le zone rosse arriverà in serata e riguarderà i comuni di Saint-Denis, Chambave e Verrayes. La stessa misura è attesa dal presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, per i Comuni pusteresi di Sesto e Monguelfo.

La Valle d’Aosta è la regione d’Italia con la performance peggiore per i casi di Covid-19 attualmente positivi per 100mila abitanti (205, media nazionale 144) e per il rapporto di positivi rispetto ai casi testati (16,4%, media nazionale 7%). Giovedì sono stati registrati 65 nuovi casi. Inoltre sono 14 i ricoverati in ospedale, 3 in terapia intensiva. In Provincia di Bolzano, invece, dove la Giunta Svp-Lega ha deciso di non recepire il Dpcm del governo, è già pronta la retromarcia: si attende infatti una nuova ordinanza con misure restrittive per l’intero Alto Adige. Oggi sono 98 i nuovi contagi da coronavirus accertati dai laboratori dell’Azienda sanitaria provinciale. Restano stabili, rispetto a ieri, i ricoveri: 60 pazienti sono curati nei normali reparti ospedalieri, 3 in terapia intensiva.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, positivo il capogruppo di Fdi alla Camera, Francesco Lollobrigida: “Non ho sintomi, vinceremo anche questa battaglia”

next

Articolo Successivo

Coronavirus, rapporto Censis-Eudaimon: “Otto italiani su dieci d’accordo sull’obbligo di mascherina anche al lavoro”

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *