Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, tornano oltre i 20mila i nuovi casi. 555 i decessi in 24 ore

Amara sorpresa nell’ultimo bellettino dell’anno della Protezione civile che aggiorna sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Italia. Per la prima volta dal 4 dicembre, infatti, i contagi sono risaliti oltre i 20mila. Per l’esattezza, oggi sono stati segnalati 23.477 nuovi casi su 186.004 tamponi processati, con un’incidenza pari al 12,62%. Dati che ricalcano quanto comunicato ieri dall’Iss in merito a una lieve ripresa della corsa dell’epidemia nel Paese. Sono, invece, rassicuranti i dati riguardanti gli ospedali, che indicano una riduzione della pressione nei reparti di medicina Covid (-388 ricoverati) anche se oggi si registra un brusco aumento dei nuovi pazienti nelle terapie intensive del Paese (+27), anche a causa degli oltre 200 ingressi in 24 ore (202). Nel bollettino si segnalano anche 555 nuovi decessi e 17.421 guariti in più rispetto a ieri. A fronte di questi numeri, tornano a salire gli attualmente positivi, che oggi sono complessivamente 569.896.

Sono molte settimane di flessione, la Lombardia ha segnato un nuovo incremento di pazienti nelle sue terapie intensive dedicate al coronavirus dove, rispetto a ieri, ci sono 8 posti letto occupati in più, anche se è la Campania ad avere il saldo positivo maggiore, con 11 ricoverati in più. Sono in aumento i pazienti in terapia intensiva anche in Sicilia (+5), nella Provincia autonoma di Bolzao (+4), in Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e in Veneto (+3). Crescono anche in Liguria e in Sardegna (+2) e, anche se di una sola unità, sono in aumento anche in Calabria e in Puglia. Decrescita decisa, invece, in Toscana (-10), meno sensibile nella Provincia autonoma di Trento (-3), in Piemonte (-2) e in Abruzzo (-1). Resta invariato il saldo delle restanti regioni.

Sono solo quattro, invece, le regioni che hanno registrato un saldo positivo nei reparti Covid. Il Friuli Venezia Giulia ha 4 pazienti ricoverati in più rispetto a ieri, la Valle d’Aosta e l’Umbria ne hanno 3, le Marche 2. Calano drasticamente, invece, i ricoverati della Lombardia (-180), del Piemonte (-62), della Campania (-32) e della Toscana (-31). In calo anche tutte le altre regioni, tranne la Provincia autonoma di Trento, dove il saldo è rimasto invariato. Il Veneto, oggi, è l’unica regione in cui sono stati superati i 100 decessi in 24 ore (124). Segue la Lombardia con 85. Il Lazio ne ha registrati 73, l’Emilia Romagna 55. Tutte le regioni hanno inserito in tabella almeno un decesso nelle ultime 24 ore, ma solo la Basilicata ha avuto un incremento di una sola unità sul totale dei decessi riconducibili al coronavirus nelle ultime 24 ore.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *