Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, l’Italia sfonda il muro dei 10mila casi. Aumenta la pressione sugli ospedali: 434 ricoveri…

Per la prima volta dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Italia registra più di 10mila nuovi casi in ventiquattr’ore. Sono 10.010 i contagi accertati sulla base di 150mila tamponi fatti: peggiora quindi il rapporto tamponi-positivi che lievita fino al 6,7%. Giovedì era il 5,4 e mercoledì il 4,8. Rispetto a giovedì sono 434 in più le persone ricoverate in ospedale e aumentano anche i malati che necessitano di assistenza in terapia intensiva: 50 in più di ieri, 638 in totale. Cinquantacinque i contagiati deceduti. Da lunedì a oggi sono 36.666 i nuovi positivi, il doppio dei 18.442 accertati negli stessi cinque giorni della scorsa settimana.

La Lombardia è la regione con il maggior incremento: 2.419 casi rintracciati in un giorno, 1.319 dei quali in provincia di Milano (604 in città). Aumento di contagiati anche in Campania con 1.261 in più rispetto a giovedì. Altre 8 regioni segnano più di 500 casi con curve in forte ascesa in Toscana (755), Lazio (795), Liguria (585) e Sicilia (578). Solo tre regioni hanno meno di cento nuovi positivi: Basilicata (57), Valle d’Aosta (27) e Molise (21).

Dall’inizio della pandemia sono 391.611 i contagi accertati. Di questi 247.872 sono dimessi o guariti e in 36.427 sono morti. Gli attualmente positivi diventano così 107.312, di cui 100.496 in isolamento domiciliare. I 434 ricoveri in più delle ultime ore portano il totale dei posti letto occupati nei reparti Covid a 6.178. Altri 638 contagiati si trovano in terapia intensiva. La regione con il maggior numero di persone ricoverate è il Lazio, che da oggi ne ha più di mille (1.004) nei reparti e 98 in rianimazione. La Lombardia ne conta rispettivamente 834 e 71, la Campania 786 e 67. Solo tre aree del Paese – Molise, Basilicata e Trento – hanno zero pazienti in terapia intensiva, mentre tutte le altre regioni hanno posti letto occupati da contagiati in rianimazione. Nell’ultima settimana si è registrata un’impennata di ricoveri: venerdì scorso erano 4.086 e altri 387 erano assistiti in terapia intensiva, gli incrementi sono rispettivamente di 2.092 e 251 letti in più occupati.

Il contagio regione per regione

Lombardia 2.419 (ieri 2.067 – mercoledì 1.844)
Piemonte 821 (1.033 – 499)
Emilia-Romagna 544 (453 – 339)
Veneto 704 (600 – 657)
Lazio 795 (594 – 543)
Campania 1.261 (1.127 – 818)
Toscana 755 (581 – 575)
Liguria 585 (432 – 362)
Puglia 313 (257 – 315)
Sicilia 578 (399 – 366)
Marche 115 (140 – 166)
Trento 111 (62 – 29)
Friuli Venezia Giulia 165 (136 – 182)
Abruzzo 178 (203 – 126)
Sardegna 133 (186 – 122)
Bolzano 128 (98 – 124)
Umbria 198 (263 – 141)
Calabria 102 (39 – 60)
Valle d’Aosta 27 (67 – 37)
Basilicata 57 (37 – 9)
Molise 21 (30 – 18)

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Verona, neonato abbandonato: rintracciati i genitori. “Gesto legato alle condizioni economiche”

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *