Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, la babele di regole sui mezzi pubblici: ecco come si viaggia nelle regioni e dove sono cadute le…

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

L’ultima è stata la Puglia, dove da oggi, 1 luglio, cade l’obbligo del metro tra un passeggero e l’altro se si sta seduti. Prima era toccato ad altri dire addio al distanziamento sui mezzi pubblici. Un’Italia spaccata in due quella che viaggia su treni, bus e tram, con alcune Regioni che hanno fatto un passo avanti e altre che restano ferme a quanto è stato prescritto nelle scorse settimane, quando è finito il lockdown per contenere la pandemia di coronavirus.

Nel trasporto pubblico locale, in piena Fase 3, c’è una babele di ordinanze che prescrivono regole vecchie e nuove, tra applicazione ferrea del metro di distanza e cordoni allentati. Nelle scorse settimane la Toscana ha ribadito la norma basilare di distanziamento, stessa posizione della Basilicata. Non hanno emesso ordinanze Abruzzo, Campania, Calabria, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta e la Provincia autonoma di Bolzano. Ci sarebbe anche il Piemonte, ma il governatore Alberto Cirio ha annunciato novità a breve, almeno per quanto riguarda i treni. Nelle altre regioni, invece, la linea scelta è già quella morbida ma non univoca.

In Lombardia un’ordinanza della Regione dello scorso 19 giugno ha fatto decadere la regola che fissava l’occupazione massima al 50% per i posti a sedere e al 15% dei posti in piedi, lasciando tuttavia l’obbligo del metro di distanza e di indossare la mascherina. Liberalizzazione totale dei posti, sia in piedi che a sedere, in Veneto dallo scorso 26 giugno, sempre con l’obbligo di indossare la mascherina.

Dallo stesso giorno l’Emilia-Romagna ha consentito “l’occupazione del 100% dei posti a sedere” nel rispetto dell’uso della mascherina, con obbligo di detersione mani e di entrata e uscita separate. Con le stesse tempistiche è scattato il via libera al pieno riempimento anche in Friuli Venezia-Giulia a bordo di tutti i mezzi del trasporto pubblico locale, comprese funivie e seggiovie.

A partire dal 29 giugno, la Provincia autonoma di Trento consentito la piena occupazione dei posti a sedere, mentre ha confermato “ancora il distanziamento di almeno un metro” per i posti in piedi. Una linea sostanzialmente identica a quella adottata dalla Puglia, a partire da oggi, anche su taxi e Ncc. Lo stesso schema adottato dalla Liguria, dal 27 giugno, a bordo dei treni regionali e dei pullman che coprono tratte extraurbane. “Mentre per il trasporto urbano restano valide le disposizioni” del metro di distanza.

Nelle Marche, da una settimana, con un’ordinanza dal linguaggio criptico, è stata consentita la “deroga al rispetto della distanza di un metro” ma le persone devono essere disposte in fila indiana, senza “faccia a faccia”, e resta l’obbligo di riempimento dei mezzi non oltre il 60% per i mezzi urbani. Sui mezzi e nei percorsi extraurbani, il numero di persone in piedi in fila indiana “può essere accettata solo per brevi tratte” e “il limite massimo di riempimento è ridotto sperimentalmente al 50%”. E si valuta anche l’installazione di “separazioni removibili tipo plexiglas” tra i sedili.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Alzano, tra novembre e gennaio 110 polmoniti da “agente non specificato”. Ats Bergamo: “Non ci sono evidenze di presenza precoce di Covid”

next

Articolo Successivo

Salerno, sequestrate 14 tonnellate di “droga dell’Isis”: possibile contatto tra i terroristi siriani e clan di camorra

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *