Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, focolaio nello stabilimento Aia di Vazzola nel Trevigiano: 182 positivi su 560 test

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Centottantadue positivi su 560 tamponi eseguiti. Sono i numeri del nuovo focolaio che si è sviluppato nel Trevigiano. Tutti sono dipendenti dello stabilimento agroalimentare Aia di Vazzola, in provincia di Treviso. Il cluster, che è iniziato qualche giorno fa, è oggi arrivato a sfiorare i 200 casi. Tutti, si apprende al termine di un vertice in prefettura, sono asintomatici e in quarantena. Diciotto dei positivi, riporta Treviso Today, erano di rientro dalle vacanze all’estero.

La prefettura di Treviso, insieme con le organizzazioni sindacali, le autorità sanitarie e municipali di Mazzola, ha deciso di ridurre la produzione del 50%, distanziando le postazioni operative e diminuendo il numero dei lavoratori per turno. Ma non chiudendo l’impianto, ipotesi ventilata nelle ultime ore. L’interruzione dell’attività di macellazione, è stato infatti sottolineato, comporterebbe l’abbattimento di circa 1,5 milioni di capi di pollame, evento che avrebbe ripercussioni non semplici sul fronte igienico sanitario.

La prossima settimana sarà eseguito un nuovo screening con l’utilizzo delle nuove procedure rapide, così da dare una rapida risposta ai dipendenti. Al vertice erano presenti, tra gli altri, il direttore generale dell’azienda sanitaria Ulss n.2 di Treviso, Francesco Benazzi, e il sindaco di Vazzola, Giovanni Zanon. Solo una settimana fa si era diffusa la notizia di un piccolo cluster all’interno dell’azienda avicola: i positivi erano 20 lavoratori, su un pacchetto di 37 coinvolti in un primo screening. A scopo precauzionale si era così deciso di estendere la verifica a tutti i dipendenti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Milano, ha un infarto in stazione Centrale. Agente di polizia salva la vita a un anziano. Il video delle manovre di rianimazione

next

Articolo Successivo

Venezia, controlli sul vaporetto: marinai riprendono i turisti che non indossano la mascherina

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *