Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus Campania, in 200 a matrimonio: scoppia focolaio nel Napoletano


Un matrimonio
Un matrimonio

Napoli, 11 ottobre 2020 – La Campania resta osservato speciale per il numero dei contagi da Coronavirus (nelle ultime 24 ore si registrano 633 nuovi positivi su 9.232 tamponi e due decessi). E, mentre si attende il nuovo Dpcm che potrebbe porre limiti alle feste private nei luoghi pubblici, dalla provincia di Napoli arriva la notizia di un focolaio che ha avuto origine proprio da un matrimonio con 200 invitati. A Monte di Procida, nelle ultime ore,  sono stati registrati 13 casi positivi tutti riguardanti l’evento, tenutasi ad inizio settimana in un locale del vicino comune di Bacoli. 

Coronavirus, il bollettino dell’11 ottobre

Venerdì scorso, alle prime avvisaglie di concittadini che denunciavano sintomi del Covid e a conoscenza della massiccia partecipazione di famiglie alla megafesta, il sindaco Giuseppe Pugliese ha ‘blindato’ il territorio comunale chiudendo scuole, parchi pubblici e privati, sale giochi e di scommesse e circoli per anziani, vietando, inoltre, attività sportive sia agonistiche che amatoriali, con l’intento di frenare l’espandersi del contagio.

Viminale, obbligo mascherina per attività motoria all’aperto

I numeri del Coronavirus in Campania

Intanto oggi rallenta la crescita dei contagi nella regione: in 24 ore si registrano altri 633 positivi (ieri 664, due giorni fa 769) su 9.232 tamponi (ieri 9.031, due giorni fa 9.549) e si contano due morti. Il totale dei positivi in Campania è di 18.530 unità; quello dei tamponi è di 682.704. I guariti del giorno sono 128. Il report sui posti letto su base regionale indica in 110 i posti di terapia intensiva complessivi, in 61 i posti letto di terapia intensiva occupati. I posti letto di degenza complessivi sono 820 mentre quelli di degenza occupati sono 664.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *