Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coronavirus, 126 nuovi casi e 6 decessi: è il numero di vittime più basso da fine febbraio

Le terapie intensive – Diminuiscono di 2 unità i pazienti in terapia intensiva: sono, infatti, 96, dei quali 43 in Lombardia. In 9 Regioni e nella provincia di Trento non ci sono più ricoverati in rianimazione. I ricoverati con sintomi sono 1.120, 40 in meno rispetto a domenica, 15.280 le persone in isolamento domiciliare, 143 in meno rispetto alla giornata precedente e 16.496 gli attualmente positivi (185 in meno), secondo i dati del ministero della Salute. 

I dati della Lombardia – In Lombardia ci sono 78 nuovi casi di coronavirus (di cui 21 individuati dopo test sierologico e 28 debolmente positivi) su 7.991 tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore si registra un solo decesso, con il totale che sale a 16.640 morti da febbraio. I guariti e i dimessi arrivano a 66.376. In terapia intensiva restano ricoverati 43 pazienti e negli altri reparti 321. Sono i dati resi noti dalla Regione.

Nuove vittime solo in 4 Regioni – Solo quattro Regioni hanno registrato nuove vittime nelle ultime 24 ore: Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Toscana. Nelle rimanenti 16 non ci sono stati altri morti. In 8 Regioni non si registrano invece nuovi positivi: Marche, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria e Molise, così come nella Provincia autonoma di Trento. 

L’Oms: “Il peggio deve ancora arrivare” “Il peggio deve ancora arrivare. Mi dispiace dirlo ma con questo ambiente e in queste condizioni, noi temiamo il peggio. Un mondo diviso aiuta il coronavirus a diffondersi”. Lo ha affermato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “La pandemia è ancora lontana dalla fine – ha aggiunto -. La nuova normalità sarà convivere con il virus. Nei prossimi mesi avremo bisogno di ancora più resilienza, pazienza e generosità”.

 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *