Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Coprifuoco in Lombardia, firmata l’ordinanza: autocertificazione per spostarsi. Verso lezioni da casa per le superiori


Autocertificazione in Lombardia per spostarsi nel coprifuoco: in Campania serve anche per muoversi fra province

Lombardia e Campania istituiscono il coprifuoco, una misura che porta con sé un’inevitabile conseguenza: il ritorno dell’autocertificazione. L’abbiamo conosciuta a marzo, con il lockdown, ed è pronta ormai a tornare di grande attualità. L’autocertificazione è il documento fondamentale per giustificare i propri spostamenti nelle fasce orarie (o nelle aree geografiche, come nel caso della Campania) interdette. E le possibili motivazioni le conosciamo ormai a memoria: salute, lavoro o motivi di comprovata urgenza. In Lombardia, l’ordinanza firmata oggi dal ministro della Salute, Roberto Speranza, e dal presidente della Regione, Attilio Fontana, istituisce un coprofuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 23 ottobre.

Covid Milano, il sindaco Sala: «Agli over 65 dico restate a casa, siete quelli più a rischio»

Lombardia

Coprifuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 23 ottobre, consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute, in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza e autodichiarazione per certificare gli spostamenti: sono le misure contenute nell’ordinanza emanata oggi in Lombardia e firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza e dal presidente della Regione, Attilio Fontana valida fino al 13 novembre 2020.

Sarà necessaria una autocertificazione e le sanzioni sono quelle previste dal decreto dello scorso 25 marzo sull’emergenza coronavirus. La decisione del coprifuoco è stata presa dopo aver esaminato le proiezioni sui contagi che a fine mese, se non cambierà il trend, potrebbero portare fino a quattromila ricoveri nei normali reparti e a circa 500 in terapia intensiva.

Le scuole secondarie di secondo grado e le istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado devono realizzare le proprie attività in modo da assicurare il pieno svolgimento mediante la didattica digitale integrata (DDI) delle lezioni, qualora siano già nelle condizioni di effettuarla e fatti salvi eventuali bisogni educativi speciali. Agli altri istituti è raccomandato di realizzare le condizioni tecnico-organizzative nel più breve tempo possibile, per lo svolgimento della DDI», si legge nella bozza della nuova ordinanza della Regione Lombardia, che l’ANSA ha potuto visionare.

Campania

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato l’ordinanza numero 82, che contiene nuove indicazioni su mobilità, coprifuoco, scuola e istituisce una «zona rossa» nel Comune di Arzano. Dal 23 ottobre in Campania saranno vietati gli spostamenti tra province, salvo gli spostamenti connessi a motivi di salute, lavoro, comprovati motivi di natura familiare, scolastici o afferenti ad attività formative e socio-assistenziali o altri motivi di urgente necessità. Il divieto è rivolto «ai cittadini campani», che dovranno provare le esigenze attraverso autocertificazione. «È in ogni caso consentito – si legge nell’ordinanza – il rientro presso la propria residenza o domicilio abituale».

LEGGI ANCHE Covid Campania, nuova ordinanza di De Luca: coprifuoco, stop agli spostamenti. E Arzano «zona rossa»

L’Unità di crisi della Regione Campania «suggerisce» alla Regione «di richiedere al Ministro della Salute di condividere e disporre la sospensione di ogni attività dalle 23 alle 5 del mattino e degli spostamenti dalle 24, a partire dal prossimo fine settimana sull’intero territorio regionale».

Video

 

Ultimo aggiornamento: 15:34


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *