Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Controllo assicurazione con targa italiana o straniera

Ecco una pratica guida che ci aiuterà ad effettuare in maniera semplice e veloce il controllo della copertura assicurativa di un veicolo.

Possedere un’automobile vuol dire anche stare dietro a numerose scadenze, come ad esempio quelle relative alla manutenzione ordinaria programmata, alla revisione obbligatoria, al bollo auto e ovviamente all’assicurazione RC auto obbligatoria. In particolare, il controllo assicurazione auto può facilmente sfuggire dalla mente, anche perché a partire dal 2015 non esiste più l’obbligo di esporre il contrassegno il parabrezza della propria vettura.

Per questo motivo molti di noi – presi sempre più spesso da mille impegni – a volte dimentichiamo di effettuare l’importantissimo controllo della scadenza della polizza auto e di conseguenza affrontiamo inconsapevolmente spostamenti e viaggi senza nessuna copertura assicurativa. In questo malaugurato caso, non solo rischiamo disastrose conseguenze in caso di incidente, ma anche una possibile sanzione che può variare da 841 a 3.287 euro, a cui bisogna aggiungere il sequestro del veicolo.

Controllo RC auto online

A questo punto, per evitare spiacevoli o irreparabili conseguenze, consigliamo di procedere con un controllo assicurazione che può essere effettuato in maniera semplice e veloce sfruttando le possibilità che ci mette a disposizione il web. Ad esempio, sarà possibile controllare lo stato della nostra polizza consultando il sito realizzato Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti denominato “Il Portale dell’Automobilista“.

il Ministero sfrutta infatti una banca dati connessa all’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni che viene costantemente aggiornata con le informazioni fornite dalle varie compagnie assicurative che hanno l’obbligo di comunicare i dati dei rispettivi clienti che hanno sottoscritto una polizza RC auto. Una volta che l’utente si è collegato al suddetto sito, sarà necessario cliccare sulla voce “Verifica copertura RCA”, per poi selezionare la tipologia del veicolo e indicare il numero di targa. Effettuati questi semplici passaggi sarà possibile ottenere le informazioni desiderate, evitando così di perdere prezioso tempo alla ricerca di documenti cartacei per stabilire la data esatta della scadenza assicurativa.

Controllo tramite app per smartphone

Un’altra soluzione, ancora più semplice e veloce della precedente, per effettuare il controllo assicurazione di un’auto è possibile scaricare in maniera gratuita app per smartphone, come ad esempio “Scanner veicoli”, “Infotarga” e tante altre. Solitamente queste app – che permettono di controllare anche la presenza di copertura assicurativa di veicoli italiani, anche di proprietari terzi – sono compatibili sia con in sistemi operativi Android Auto che iOS di Apple. Ricordiamo inoltre che tramite queste app, oppure collegandosi al sito dell’ACI o in alternativa sul portale dell’automobilista, risulta possibile effettuare un utile e rapido controllo della scadenza del bollo auto.

Controllo assicurazione auto straniere

Se invece si desidera fare un controllo assicurazione di un veicolo con targa straniera sarà necessario eseguire tutt’altra trafila rispetto alle procedure precedentemente elencate. Bisogna innanzi tutto precisare che per i veicoli con targa straniera vige una “presunzione normativa di copertura assicurativa”, in poche parole le autorità italiane non possono portare a termine un regolare controllo della presenza di un’assicurazione auto e in mancanza di questo controllo non è possibile procedere con eventuali sanzioni.

A causa di questa normativa, spesso gli utenti riescono a sfruttare la legge per i propri interessi fino al limite della legalità. Le auto dotate di targa straniera che circolano in Italia dopo un anno di permanenza sul suolo del nostro Paese devono essere reimmatricolate in Italia, ma purtroppo tutto questo spesso non accade. Molti cercano di sfuggire all’obbligo di copertura assicurativa circolando liberamente sul territorio nazionale, ovviamente a rischio e pericolo degli altri utenti della strada.

Fonte: motori.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *