Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Conti, sponsor e nuovo rigore: le mosse di Zhang da Nanchino

Il presidente dell’Inter dalla Cina ha dettato la linea di austerity e sta seguendo la pratica della nuova sponsorizzazione. Da Conte al mercato, la sua impronta nel futuro del club

Zhang interviene a distanza. Il presidente nerazzurro Steven Zhang è a casa, a Nanchino, e si sta occupando in prima persona della pratica sul nuovo sponsor. Ma nel frattempo ha dettato la linea del rigore nell’ormai celebre vertice di martedì in cui si sono stese le prospettive della prossima campagna trasferimenti: il mercato sarà a costo zero, si risparmierà sugli ingaggi e si lavorerà per il taglio degli stipendi. La crisi generata dalla pandemia impone nuove sfide e una nuova programmazione, ma Zhang e l’Inter stanno tracciando le linee guida per il futuro con idee chiare e precise. E il presidente, nonostante la giovane età e nonostante le difficoltà del momento, punta dritto a un preciso obiettivo: portare l’Inter sempre più in alto, sia in termini sportivi che di fatturato.

IDEE CHIARE

—  

Un’immagine, quella del “decisionista”, costruita da Zhang in poco più di due anni di presidenza grazie al polso fermo dimostrato soprattutto negli ultimi mesi, con interventi mirati e tempestivi. In estate ha gestito i malumori di Conte, scongiurando una separazione che a un certo punto sembrava quasi scontata, dimostrazione di quanto la sua guida sia salda. Le decisioni di Zhang, prese in prima persona, hanno pesato anche al di là del famoso incontro di Villa Bellini in cui esercitò il suo ascendente nei confronti del tecnico pugliese. D’estate, ad esempio, si è opposto alla cessione in prestito al Cagliari di Nainggolan (salvo invertire la rotta adesso a fronte di una situazione evidentemente diversa rispetto a quattro mesi fa).

PROSPETTIVE E SPONSOR

—  

Il vertice della Pinetina in videoconferenza ha ribadito il ruolo centrale del presidente. La dirigenza ha recepito le linee guide e il richiamo all’austerità dettati dal presidente: prima si dovranno ridurre rosa e monte ingaggi, poi ci si occuperà dei rinforzi necessari. Con la partenza di Nainggolan (e conseguente taglio di 5 milioni alla voce “ingaggi”) è stato compiuto il primo passo. Nei prossimi giorni proseguirà l’opera di sfoltimento (Eriksen e Pinamonti i candidati a partire), posto che l’obiettivo resta quello di migliorare la squadra secondo le necessità individuate da Conte. Nel frattempo, il numero uno nerazzurro stringe e definisce gli ultimi dettagli per il nuovo main sponsor che prenderà il posto di Pirelli. Il nuovo partner sarà asiatico e, se il nome è ancora top secret, le trattative sono comunque in fase avanzata. Per conoscere il nuovo nome che campeggerà sulle maglie dell’Inter è solo questione di giorni.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *