Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Consultazioni, si riparte con il tavolo di maggioranza. Fico salirà al Colle nel pomeriggio

La crisi di governo

I lavori sono ripresi questa mattina. Orlando propone “lodo” su prescrizione, ma Iv dice no. Renzi sul confronto: “No segnali da Pd e M5s”. Nel pomeriggio il Presidente della Camera riferirà l’esito del suo mandato esplorativo al presidente della Repubblica


E’ ripartito questa mattina con i temi della giustizia il tavolo per il programma sul nuovo governo convocato dal presidente della Camera Roberto Fico. I lavori andranno avanti fino alle 16 circa, qualche ora in più del previsto. Lo hanno riferito alcuni partecipanti durante una breve pausa caffè. Loredana De Petris, capogruppo di Leu al Senato, ha riferito che la richiesta è stata comunicata al presidente Fico. Dopo la giustizia, gruppi al lavoro su dossier istruzione, cultura e turismo. Il tavolo viene sospeso alle 13,30 per un’assemblea dei Gruppi di Italia viva.

Poi il tavolo riprenderà per concludersi con un verbale scritto sui temi discussi. Su ogni tema verranno indicate eventuali distanze nelle posizioni dei partiti coinvolti. Al termine del confronto, nel pomeriggio, il presidente Fico salirà al Colle per chiarire se c’è o meno la volontà di ricostituire la vecchia maggioranza con i renziani e se ci fosse la possibilità di un esecutivo Conte ter. Se invece Iv non desse il via libera a Conte si aprirebbero altre strade, che il Presidente della Repubblica potrebbe imboccare dopo un secondo eventuale giro di consultazioni. Differenti le letture che arrivano dai partecipanti  interpellati dai cronisti a margine: nessun passo avanti secondo la presidente dei deputati di Iv, Maria Elena Boschi. Passi avanti sulla giustizia invece secondo il capogruppo M5s alla Camera, Davide Crippa. Bruno Tabacci, deputato di Centro democratico, fa sapere che verrà consegnato “un verbalino” a Fico – oggi assente al tavolo – al termine dei lavori. Bocche cucite dai capigruppo del Pd, Andrea Marcucci e Graziano Delrio. Mentre Crippa risponde “a noi va bene” a chi gli chiede la posizione di M5s sul lodo Orlando sulla prescrizione. Qualche altra ora dunque per raggiungere un compromesso non facile, alla luce dell’esito della prima giornata. Unico paletto posto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella la continuità d’azione di ministeri chiave per l’emergenza Covid (Salute) e per il Recovery (Economia).

Renzi: “No segnali da Pd e M5s”
Matteo Renzi, nella riunione dei parlamentari Iv, ha spiegato di essere in campo in prima persona a tutti i livelli per una mediazione. Però- ha spiegato, a quanto riferiscono fonti parlamentari – non ci sono segnali dal Pd e dal M5s.
Renzi, ieri aveva auspicato un nuovo esecutivo entro la fine di questa settimana. Ma ha anche rilanciato sul Mes, un tema fortemente osteggiato dal M5s, e chiesto un documento scritto finale e una bicamerale sul Recovery. I Cinquestelle, dal canto loro, hanno rilanciato con il reddito di cittadinanza e il salario minimo, senza tralasciare una riforma elettorale che contempli il meccanismo delle preferenze.

Altro elemento di scontro la composizione della squadra di governo, con Italia Viva che potrebbe chiedere qualche ministero più pesante. Mentre il segretario del Pd Zingaretti punta i piedi e ribadisce: “Conte e Gualtieri punti fermi”.  

Un confronto ancora in salita, che se non dovesse andare a buon fine costringerebbe Mattarella a riassumere su di se i fili della crisi,con nuovi ragionamenti che al momento restano sullo sfondo. Di certo, il tempo corre e la necessità di non lasciare il Paese senza guida è sempre più stringente. Tempi supplementari’ non sono previsti, a meno che non si tratti di una manciata di ore. C’è anche l’ipotesi che il presidente della Camera, Roberto Fico, possa fare un nuovo rapido giro di consultazioni con le forze politiche di maggioranza al termine del tavolo di lavoro prima di salire al Colle.

Orlando propone “lodo” su prescrizione e chiama in causa Renzi
Al tavolo il vicesegretario del Pd Andrea Orlando ha proposto un “lodo” sulla prescrizione su cui c’è stata una apertura da parte di M5s. Orlando ha proposto che la maggioranza si impegni a portare avanti il ddl sulla riforma del processo penale, che accorcia i tempi dei processi, e che se entro sei mesi non viene approvato allora si metterebbe mano alla prescrizione. “Renzi dice che su giustizia ‘siamo allo zero assoluto’. Probabilmente sono stato invitato a un’altra riunione.. Apertura su riforma penitenziaria, modifica prescrizione, intercettazioni… Non sprechiamo questa possibilità!” scrive poi su Twitter il vice segretario del Pd.

No di Italia viva: “Nessun accordo”
Ma Italia viva “non condivide il lodo Orlando: non c’è nessun accordo sulla prescrizione e sul processo penale”. Lo affermano fonti di Iv a proposito del confronto. Italia viva esprime “stupore” per la “la chiusura sui contenuti della maggioranza”. E’ quanto si apprende da fonti parlamentari, al termine della riunione dei gruppi. Si è trattato, spiegano, di una riunione “interlocutoria” che sarà aggiornata nella prossime ore. Da parte delle altre forze politiche, rilevano le fonti di Iv, non c’è “nessuno sforzo di trovare soluzioni su problemi che non sono di oggi e su cui appare evidente che bisogna trovare una soluzione”.

Scalfarotto, Iv: “In attesa di esecutivo diverso altrimenti ci tenevamo quello di prima”
Stiamo facendo quello che dovevamo fare da novembre, governo è caduto perché l’azione era mediocre, nodi stanno  venendo al pettine, vediamo se riusciamo ad avere un governo  all’altezza dei temi strutturali”. Così Ivan Scalfarotto, ex  sottosegretario di Italia Viva, ospite di Agorà, su Rai 3.   “Siamo in attesa di avere un governo diverso dal precedente,  altrimenti ci tenevamo quello”, dice Scalfarotto e aggiunge: “Non sono così sicuro che sia certo un Conte ter, stiamo ancora discutendo”.

Staff Di Maio: “Basta tirare per la giacca il ministro”
Durante una riunione il ministro Luigi Di Maio ha chiesto a tutti di non essere strattonato per la giacca”: è quanto fanno sapere dallo staff del ministro Di Maio. “Basta giocare e tirare in mezzo il nome del ministro. Ora bisogna fare squadra intorno a chi sta trattando per dare forza al Movimento”, concludono dallo staff del titolare della Farnesina.

Segnali di tensione dall’opposizione
Situazione tesa anche dal lato dell’opposizione. Se da FI si moltiplicano i segnali per un superamento dell’attuale perimetro della maggioranza, Giorgia Meloni ha ricordato che quello delle elezioni è stato uno scenario non escluso dallo stesso Sergio Mattarella nel corso delle consultazioni al Quirinale, mentre da Matteo Salvini è arrivato un altro segnale di guerra. “Se vanno al Quirinale e vengono concessi loro altri giorni, non avrei modo di commentare in maniera educata questa perdita di tempo”, avverte il leader della Lega.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *