Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Combattere il bullismo insegnando il “Fair play”, non solo nello sport. Una Unità di apprendimento pronta all’uso per Primaria e Secondaria I grado


Di Nobile Filippo

Il fair play è un concetto articolato che racchiude e rappresenta una serie di valori importantissimi che non sono solo parte necessari dello sport, ma sono rilevanti nella vita di tutti i giorni. Concorrenza leale, spirito di squadra, uguaglianza, sport senza doping, rispetto, amicizia, rispetto di regole scritte e non scritte come integrità tolleranza, cura, solidarietà, eccellenza e gioia, sono gli elementi fondativi del fair play che devono essere vissuti e appresi sia dentro e fuori dal campo.

Cosa significano i valori fondamentali del fair play?

Concorrenza leale

Per godere dei frutti del successo non basta vincere. Il trionfo deve essere misurato con mezzi assolutamente equi, di onestà e solo di gioco.

Rispetto

Per ogni sportivo, giocare avendo rispetto delle regole scritte è necessario, e avere, anche, riguardo di quelle non scritte è un impegno importantissimo e indispensabile. Il fair play richiede rispetto incondizionato per avversari, compagni di gioco, arbitri e tifosi.

Amicizia

La rivalità in campo non esclude l’amicizia. Al contrario, l’amicizia potrebbe nascere da nobili rivalità.

Spirito di squadra

Gli individui possono essere forti sì, ma non sempre lo sono davvero fino in fondo; infatti, sono molto più forti in una squadra. Condividere il momento della vittoria con la squadra di cui fai parte è il piacere più grande che si possa provare.

Uguaglianza

Competere ad armi pari è essenziale nello sport. In caso contrario, le prestazioni non possono essere misurate correttamente.

Integrità

Essere onesti e avere forti principi morali sono essenziali per il fair play. Praticare sport all’interno di una solida struttura etica è di vitale importanza se si vuole essere un vero campione.

Solidarietà

È rilevante sorreggersi a vicenda e avere in comune sentimenti, ma anche obiettivi e sogni. Il supportarsi reciprocamente conduce al successo vicendevole dentro ma anche fuori dal campo, nella vita di ogni giorno.

Sport senza doping

Fair play significa non barare assumendo droghe o doping. Chiunque lo faccia rovina il gioco a tutti gli altri.

Tolleranza

La volontà di accettare condotte o risoluzioni con cui potresti non essere d’accordo accresce l’autocontrollo. In conclusione, questo potrebbe essere il fattore determinante quando si tratta di trionfare o abbandonare la competizione.

Cura

I veri campioni si prendono cura l’uno dell’altro in quanto sono ben consapevoli della circostanza che non potrebbero essere dove sono senza essere stati curati dagli altri.

Eccellenza

Lo sport ci impegna in uno sforzo collettivo per perseguire l’eccellenza umana.

Gioia

Pierre de Coubertin, il padre dei Giochi Olimpici moderni, ha dichiarato: “L’importante nella vita non è il trionfo, ma la lotta. L’essenziale non è aver vinto, ma aver combattuto bene”. La competizione può essere intensa, ma dovresti sempre cercare la gioia quando pratichi qualsiasi sport. Non dovresti mai dimenticare il gioco anche nel pieno del combattimento.

In che modo i valori fondamentali del fair play contribuiscono al miglioramento del mondo?

Il fair play non è una teoria. Il fair play è un atteggiamento che si manifesta nel comportamento. Ogni volta che agiamo nello spirito del fair play, contribuiamo a costruire un mondo pacifico e migliore.

Senza equità e affidabilità l’ordine stabilito della nostra società è a rischio. Se non rispettiamo le regole, roviniamo lo spirito del gioco ed è impossibile giocare con i distruttori del gioco.

Parte essenziale e centrale del coinvolgimento, della promozione e dello sviluppo di successo

Il fair play, che è una parte essenziale e centrale del coinvolgimento, della promozione e dello sviluppo di successo sia nello sport che nella vita, può insegnare alle persone la tolleranza e il rispetto per gli altri. Consente loro di completarsi sotto forma di valore integrativo nella società e creare un senso di lavoro di squadra. Il fair play nello sport è capace di infondere speranza, orgoglio e identità, ed è capace di unire dove appartenenza a un paese, politica, religioni e culture spesso si frazionano.

La cooperazione nello spirito del fair play

La cooperazione nello spirito del fair play offre risultati ancora maggiori della pura abilità di gioco in tutti i ceti sociali. Svolge un ruolo chiave, il ruolo di catalizzatore nella società di oggi come mezzo per migliorare la qualità della vita e il benessere umano.

Come viene definito il fair play dai vari attori dello sport e della società?

Fair play per i campioni dello sport

Non c’è sport senza fair play e, per dirla tutta e con la giusta affermazione, non ci sono nemmeno campioni.

“L’importante nella vita non è il trionfo, ma la lotta; l’essenziale non è aver vinto, ma aver combattuto bene” scrive Barone Pierre de Coubertin.

“Ci vuole più che tagliare il traguardo per primo per diventare un campione. Un campione è più di un vincitore. Un campione è qualcuno che rispetta le regole, rifiuta il doping e gareggia nello spirito del fair play” afferma Jacques Rogge, presidente del CIO.

Jenő Kamuti, Presidente del Comitato Internazionale Fair Play, afferma “il fair play conferisce allo sport il carattere della bellezza. Il fair play è un linguaggio comune, il cemento dello sport che è in grado di riunire tutto il mondo dello sport. I campioni sono tanti, ma il campione dei campioni è colui che si allena, gareggia e vive nello spirito del fair play”

La “Dichiarazione” Comitato Internazionale Fair Play

Si legge nella “Dichiarazione del Comitato Internazionale “Fair Play” “Non possiamo comprendere il fair play se non lo colleghiamo a valori morali come lo spirito di giustizia, equità e dignità umana”. Questa visione “ampia” restituisce ail fair play accessibile a tutti e ne sostiene tutte le applicazioni specifiche.

Pertanto, il rispetto, la lealtà, la tolleranza e il corpo sano sono i segni del fair play nello sport. La reciprocità gioca un ruolo essenziale nella competizione: non si può fare a meno del proprio avversario, e lo sport esige un atteggiamento rispettoso nei confronti dell’altro; il rispetto deve andare al perdente così come al vincitore.

Affinché ci sia giustizia, l’uguaglianza di opportunità è necessaria tanto nello sport per il tempo libero quanto nello sport agonistico, e in quest’ultimo deve esistere in tutte le fasi della formazione. Il fair play richiede la massima comprensione dell’ambiente sociale dei concorrenti e delle diverse culture. ” Comitato Internazionale Fair Play, Dichiarazione 2011.

Un concetto universalmente compreso

“La nozione di fair play è un concetto universalmente compreso, che è alla base di tutto lo sport. Senza equità, lo sport è privo di significato o scopo. Peggio ancora, può essere un’esperienza dannosa per i suoi partecipanti”.

Ma il fair play è anche una filosofia: rispetto per gli altri e rispetto per l’istituzione dello sport. Porta a un accordo, tra tutti coloro che sono coinvolti nello sport, sui valori e sugli insegnamenti che vogliamo che lo sport insegni ai nostri figli ea noi stessi.

Il “Canadian Centre for Ethics in Sport” in un suo splendido articolo scrivere “Giocare lealmente ha anche a che fare con le scelte. Quando interagiamo gli uni con gli altri nello sport, o come spettatori dello sport, dobbiamo considerare e definire regolarmente ciò che pensiamo sia giusto e ciò che non lo è. Lo sport ci impegna in uno sforzo collettivo per perseguire l’eccellenza umana. Man mano che i nostri figli interagiscono tra loro nello sport, la loro capacità di fare buone scelte sui problemi del fair play matura insieme alla loro capacità di pensare e apprendere ciò che rende la vita gratificante e appagante nella società”.

“Il fair play incorpora i concetti di amicizia, rispetto per gli altri e gioco sempre con lo spirito giusto. Il fair play è definito come un modo di pensare, non solo un modo di comportarsi” si legge nel “Codice di etica sportiva” del Consiglio d’Europa.

Fair play per i campioni della quotidianità

“Né per natura, dunque, né contro natura sorgono in noi le virtù; piuttosto siamo adattati dalla natura a riceverle e siamo resi perfetti dall’abitudine” scrive Aristotele nell’”Etica Nicomachea”.

“Il fair play è un concetto positivo. Lo sport è un’attività sociale e culturale che, praticata in modo equo, arricchisce la società e l’amicizia tra le nazioni. Lo sport è anche riconosciuto come un’attività individuale che, giocata correttamente, offre l’opportunità di conoscere se stessi, -espressione e realizzazione; realizzazione personale, acquisizione di abilità e dimostrazione di capacità; interazione sociale, divertimento, buona salute e benessere. Lo sport promuove il coinvolgimento e la responsabilità nella società con la sua vasta gamma di club e leader che lavorano volontariamente. Inoltre, il coinvolgimento responsabile in alcune attività può aiutare a promuovere la sensibilità verso l’ambiente” come si legge nel “Codice di etica sportiva” del Consiglio d’Europa.

Un’UDA sul Fair play

Ciascuna scuola dovrebbe, farebbe bene a farlo immediatamente, predisporre per classi, per gruppi di classe, per istituto, delle “Unità di apprendimento” dedicate alla pratica del fair play. Quella predisposta dai docenti dell’Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Roma diretto con magistrale capacità gestionale, didattica e organizzativa dalla dirigente scolastico Prof.ssa Angela Palmentieri, denominato “Sport: vinco, perdo, gioco”, è di grande rilevanza e riveste grande attualità.

UdA-Fair Play – Scienze-motorie-e-sportive


Pubblicato in Didattica


Argomenti: Bullismo Cyberbullismo Didattica

Fonte: orizzontescuola.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *