Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Cittadella dello Sport al LungoTanaro di Asti e il suo restyling di qualità

Una vera e propria Cittadella dello Sport al LungoTanaro di Asti con il rugby quale epicentro di molte altre attività. 

A raccontarci la nascita di un restyling di qualità è chi, con intuito, ha colto al volo l’opportunità di veder nascere un vero gioiello, il presidente dell’Unione Monferrato Rugby Enzo Carafa.

Presidente, come nasce questa intuizione?
Era l’autunno del 2018 e appresi del bando “Sport e Periferie”, che dava l’opportunità alle società più meritevoli di usufruire di supporto da parte dello Stato nelle opere di miglioria degli impianti. Nacque così il progetto con l’architetto Luca Ottaviani dello Studio GAP, per rendere la zona del LungoTanaro da monosportiva a polisportiva.

Possiamo dire che la vostra candidatura è stata “last second”?
Eccome. Il 13 dicembre 2018 è stato approvato il bando, il 17 dicembre ricordo che feci Asti-Roma andata e ritorno, per consegnare il progetto a Palazzo Chigi. Nella primavera 2019 è stata resa nota la graduatoria, che ci vedeva al centesimo posto e di conseguenza meritevoli del contributo.

Un anno circa per completare l’iter burocratico e ora si può dire che siete partiti con i lavori…

La burocrazia è sempre piuttosto complessa. Lo Junior Asti Rugby di Matteo Binello ha firmato la convenzione con la “Comunità delle Colline tra Langa e Monferrato” del presidente Carlo Mancuso, che figura da stazione appaltante per quel che riguarda la gestione del finanziamento per i lavori. Completato l’iter siamo potuti partire al LungoTanaro.

Un progetto, il vostro, decisamente impegnativo a livello economico…
Il valore complessivo è di circa 735.000 euro. Il primo grazie lo dobbiamo all’Amministrazione Comunale che, attraverso gara pubblica, ci ha concesso l’utilizzo della struttura, in scadenza nel 2021, per altri quindici anni. Il budget è costituito dal supporto statale grazie al bando “Sport e Periferie” di circa 435.000, il resto è per metà a carico della nostra società e per l’altra metà garantito da sponsor. In questo senso è stato prezioso il supporto della Banca di Asti, la prima a credere nella nostra “visione”, e della ditta “CS Costruzioni”, impresa appaltatrice dei lavori selezionata tra 45 candidate, che ha deciso di contribuire anch’essa con un sostegno prezioso.

Possiamo stimare i tempi per completare la polisportiva?
A progetto abbiamo un campo in sintetico per rugby (omologato IRB) e football americano, il rifacimento del manto in erba naturale del campo principale da rugby, un campo polivalente per tennis e calcio a 5 in erba sintetica, un campo da beach volley e beach tennis e uno da bocce. I lavori sono partiti a fine 2020 e speriamo di completare il campo in sintetico entro il mese di maggio.

Chi merita il grazie più grande per questo importante progetto andato in porto?
Ringrazio tutti coloro i quali fanno parte di ciò, dallo studio tecnico, agli sponsor, ma un grazie speciale lo merita Matteo Binello, anima fondamentale della palla ovale astigiana.

Fonte: lavocediasti.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *