Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Città sotto assedio, oltre al Covid si aggiunge il caos trasporti. Sciopero di 24 ore di metro bus e tram

Servizio24 ore di sciopero dei mezzi

Tra il 22 e il 23 ottobre va in scena l’agitazione proclamata dal sindacato Cub

di Marco Morino

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

Tra il 22 e il 23 ottobre va in scena l’agitazione proclamata dal sindacato Cub


3′ di lettura

Le città sotto assedio per il Covid vanno incontro a 24 ore di passione sul fronte del trasporto pubblico locale (bus, tram, metropolitane, treni regionali). A emergenza si somma emergenza. Dalla serata di giovedì 22 ottobre, i treni rischiano la paralisi. Da venerdì 23 ottobre potrebbero fermarsi per l’intera giornata, con l’esclusione delle fasce orarie protette, metro, bus e tram. Tra il 22 e il 23 ottobre va in scena l’agitazione proclamata dal sindacato Cub, confederazione unitaria di base, che chiede «di uscire dalla crisi con un nuovo modello di sviluppo per garantire lavoro stabile e tutelato, per aumentare salari, redditi, diritti e welfare».

Leggi anche

Allo sciopero possono partecipare i lavoratori di tutte le categorie pubbliche e private, ma è innegabile che Il rischio caos più concreto riguardi il settore del trasporto pubblico locale e del settore ferroviario, con i mezzi cittadini e i treni regionali che stanno già facendo i conti con il rischio assembramento. Vediamo la situazione nelle grandi città.

Milano

Trenord ha già comunicato agli utenti che aderirà allo sciopero. Il settore ferroviario si fermerà dalle ore 21 di giovedì 22 ottobre alle ore 21 di venerdì 23 ottobre. Le fasce di garanzia saranno dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 18 alle ore 21. In data 22 ottobre viene comunicato che viaggeranno i treni con partenza prevista, da orario ufficiale, entro le ore 21 e che arrivino nella stazione finale entro le ore 22.

A Milano città, invece, il blocco potrebbe coinvolgere i mezzi di Atm, con i treni delle quattro linee metropolitane, gli autobus e i tram che rischiano di fermarsi a partire da venerdì 23 ottobre. L’agitazione del personale viaggiante e di esercizio di superficie è prevista dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio, mentre per il personale di metropolitana l’agitazione è prevista dalle ore 18 al termine del servizio, informa l’Atm. Quindi: le metropolitane saranno regolari fino alle ore 18 – mentre c’è il concreto rischio stop dalle 18 di venerdì in poi – e bus e tram potranno fermarsi dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 sino a fine servizio.

Roma

Sul sito del Comune viene reso noto che il servizio pubblico nel giorno di venerdì 23 ottobre porebbe non essere garantito nelle forme e nei tempi usuali. Atac informa che il trasporto sarà garantito dall’inizio del servizio diurno fino alle ore 8,30 e dalle ore 17 alle ore 20. Comunica poi che nella notte tra il 23 e il 24 ottobre non funzioneranno le linee metro A-B (per informazioni più dettagliate sempre meglio consultare la pagina ufficiale dell’Atac).

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *