Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Cinesi pigliatutto: accordo sui motori con Volvo e alleanza con Renault – Quattroruote.it

Si parla tanto dell’invasione delle elettriche cinesi in Europa, ma c’è un ulteriore campo dove i costruttori del Dragone rischiano di assumere una posizione di crescente rilevanza, sfruttando il progressivo addio degli europei ai motori endotermici. Lo dimostrano le ultime iniziative della Geely, ormai senza freni nel rafforzare la sua penetrazione nel Vecchio Continente. Dopo aver acquisito il controllo o partecipazioni in Case automobilistiche come Lotus, Mercedes-Benz o Volvo, il costruttore fondato dall’imprenditore Li Shufu ha sottoscritto due accordi: uno con lo stesso costruttore svedede per salire al 100% della joint venture Aurobay e l’altro con la Renault per formare una joint venture paritetica nella produzione di propulsori tradizionali.

L’accordo con gli svedesi. La prima intesa prevede che la Casa di Göteborg ceda alla Geely Holding il 33% di Aurobay, l’azienda nata nel luglio dell’anno scorso sulla base di un precedente accordo per gestire le attività nel settore dei motori endotermici delle due aziende: un anno fa la Volvo ha ceduto alla newco il 100% di Volvo Cars Powertrain Engineering Sweden, inclusa la fabbrica di Skövde e il relativo team di ricerca e sviluppo e uno stabilimento in Cina. Con la cessione, l’azienda svedese è la prima Casa automobilistica ad abbandonare definitivamente le tecnologie tradizionali e compie così un ulteriore passo avanti nel suo percorso verso la trasformazione in un costruttore di auto esclusivamente elettriche entro il 2030. Dell’operazione non sono stati rivelati i dettagli finanziari, se non che i proventi saranno utilizzati dalla Volvo per le sue strategie di elettrificazione, a partire dalla realizzazione di una nuova linea di produzione di motori elettrici sempre a Skövde. Gli svedesi hanno deciso di concentrare tutti i loro investimenti nello sviluppo di propulsori elettrici, mentre per le forniture di motori ibridi si affideranno solo ad Aurobay, che ora però passerà a una nuova entità.

L’intesa con Renault. La transazione con la Casa svedese è legata all’altra intesa sottoscritta con la Renault. In particolare, Geely Holding e la controllata Geely Automobile hanno firmato un “un accordo quadro non vincolante per creare un nuovo leader globale nello sviluppo, nella produzione e nella fornitura di propulsori ibridi ed endotermici”. È prevista la costituzione di una joint venture paritetica tramite il conferimento di tutte le attività delle tre aziende nel campo delle tecnologie tradizionali. Grazie a cinque centri di ricerca e sviluppo, 17 impianti in 3 continenti, una capacità produttiva di oltre 5 milioni di motori e trasmissioni e 19 mila dipendenti, la nuova realtà fornirà Renault, Dacia, Geely Auto, Volvo Cars, Lynk & Co., Proton e anche Nissan e Mitsubishi. In futuro, offrirà le sue soluzioni pure a “marchi automobilistici di terze parti”, puntando a presidiare l’80% del mercato globale dei motori endotermici. Infine, la joint venture sarà aperta al coinvolgimento di altri partner e azionisti.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *