Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Chiara Ugolini, eseguita l’autopsia: molti traumi interni ma nessuno ne spiega la morte

L’autopsia durata 4 ore sul corpo di Chiara Ugolini non ha permesso di determinare con esattezza la causa della morte della giovane, per l’omicidio della quale è in arresto Emanuele Impellizzeri, suo vicino di casa. E’ quanto apprende l’Ansa da fonti vicine all’inchiesta. L’esame autoptico ha riscontrato diversi traumi interni, alla nuca, al torace, all’addome, segno di una colluttazione violenta con l’aggressore, ma nessuna lesione che da sola spieghi la causa del decesso. Da approfondire, infine l’entità dei danni causati dalla candeggina, messa sullo straccio  usato dal killer, che Chiara è stata costretta ad ingerire.

La 27enne di Calmasino (Verona), paesino che si affaccia sul Lago di Garda, è stata uccisa domenica da un vicino di casa. L’autopsia dovrebbe fare luce sulla dinamica dei fatti visto che il vicino di casa ritenuto responsabile dell’omicidio, fermato mentre si stava dando alla fuga nei pressi del casello di Impruneta dalla polizia stradale di Firenze, al momento si è rifiutato di collaborare non rispondendo alle domande del gip.

Nessuna ipotesi è al momento scartata, fanno sapere fonti investigative veronesi, anche se al momento quella più accreditata potrebbe essere di una aggressione a sfondo sessuale. Aggressione alla quale la 27enne avrebbe tentato di ribellarsi con tutte le sue forze.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *