Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Chamlang (7.321 m) obiettivo di due spedizioni francesi | MountainBlogMountainBlog | The Outdoor Lifestyle Journal

La via che tenteranno Benjamin Védrines e Charles Dubouloz sulla Parete Nord del Chamlang. Fonte: Montagnes Magazine

Symon Welfringer, Aurélien Vaissière, Damien Tomasi e Fanny Schmutz-Tomasi,  tenteranno il Pilastro Nord. Benjamin Vérnes e Charles Dubooloz affronteranno l’imponente Parete Nord in stile alpino

Quest’autunno saranno due le spedizioni francesi impegnate sul Chamlang (7.319 m), in Nepal.

La prima, quella di Symon Welfringer, Aurélien Vaissière, Damien Tomasi e Fanny Schmutz-Tomasi, avrà come obiettivo il pilastro Nord. Nell’autunno del 2018, i primi due aprirono The String Quartet sulla parete Ovest del Lobuche Est.

Benjamin Védrines e Charles Dubouloz tenteranno la salita un po’ più a destra, tra il pilastro Nord e la via aperta nel 2019 dai cechi Marek Holeček e Zdeněk Hak.
Il duo, che si acclimaterà prima al Mera Peak, spera di trovare buone condizioni della neve sull’imponente parete Nord per poter scendere in sicurezza.

Secondo quanto pubblicato da Montagnes Magazine, Charles e Benjamin hanno in programma diversi piani B: la cresta Sud del Chamlang (ancora da fare  in stile alpino), il ferro di cavallo dell’Hunku Chuli (6.833 m), una via meno tecnica ma lunga e molto estetica, o la parete Est molto ripida della Peak 41 (6.648 m).

Benjamin Védrines ha già scalato il Chamlang nel 2019 con Nicolas Jean attraverso il couloir Nord-Est, salita che valse loro una menzione ai Piolets d’Or.

Chamlang (7.319 m) – Nepal

Chamlang. Fonte: Nepali Times

Il Chamlang si trova nell’Himalaya nepalese, vicino al Makalu.

La prima salita di questo Settemila fu effettuata nel 1962 da una spedizione giapponese, attraverso la cresta meridionale.
La cresta Nord è stata tentata tre volte: nel 2015 da una squadra basca; da Andy Houseman e Jon Griffith nel 2016; dai francesi Aymeric Clouet, Lise Billon, Manu Chance e Sébastien Corret nella primavera 2018.

È una montagna ripida che richiede  buona forma fisica e arrampicata tecnica. La vetta vanta un panorama sommitale assolutamente sbalorditivo su 5 Ottomila e altre vette minori: Everest, Kangchenjunga, Makalu, Cho-Oyu, Lhotse e molti altri Settimila tra cui Baruntse, Ama Dablam, Pumori, Kangtega, Nuptse e altri.

Fonte: mountainblog.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *