Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Cenano e scappano senza pagare: ripresi dalle telecamere. Il messaggio dei proprietari è da incorniciare

Redazione 24 settembre 2021 17:30

Sono andati a cena al pub, hanno consumato panini, birre, dolci e poi sono scappati senza pagare il conto da 72 euro. Peccato che siano stati ripresi dalle telecamere del locale e abbiano lasciato nome e cognome prima di cenare. È successo alla Busa dei Briganti in via Vicenza, a Padova. Ora, i proprietari del locale hanno deciso di dare loro una possibilità (e una lezione): tre giorni di tempo per pagare, altrimenti partirà la denuncia. Attraverso i loro canali social, i proprietari hanno iniziato la “trattativa”.

“Vi starete chiedendo chi siano questi tre figuri pixelati (vedi foto): ebbene, ve lo diciamo. Questi sono dei “clienti” che nella serata di ieri hanno pensato bene di venire al pub, consumare, e andare via senza pagare – scrivono i gestori del locale -. Tutto questo dopo due anni di pandemia, in cui il comparto della ristorazione e della birra artigianale sono riusciti a sopravvivere solo tra immensi sacrifici, facendo l’impossibile per restare in piedi. E adesso, che arriva una mezza boccata d’ossigeno, zac! Dobbiamo beccarci pure i furboni di turno – continuano i proprietari del locale -. Furboni perché andare via senza saldare il conto costituisce reato di insolvenza fraudolenta, punibile con fino a due anni di carcere o, più ragionevolmente, con una multa da 516€ a persona. Furboni perché abbiamo le riprese, girate dalle telecamere di sicurezza, che li riprendono durante la cena, nel momento in cui si alzano “per andare a fumare”, e durante l’intrepida fuga. Furboni perché abbiamo anche il nome e cognome di uno di loro. Cari ladri, avreste dovuto architettare meglio questo “colpo del secolo”, dal bottino di ben 72 euro”.

Nel post dei proprietari del pub c’è poi l’offerta di negoziazione: “Vi offriamo la possibilità di venire di persona a saldare il conto, entro tre giorni, o nel caso in cui vi vergognaste troppo della bravata per mostrare le vostre facce qui al locale, ad effettuare un versamento dell’importo corrispondente sul nostro IBAN (…) o all’indirizzo Paypal (…). Trascorso il termine, sporgeremo regolare denuncia alle autorità competenti – promettono i gestori -. E non ovviamente per recuperare l’importo risibile della vostra impresa epica, non per il valore delle birre e dei panini che avete consumato, ma perché all’uscita di un periodo come gli ormai quasi due anni che abbiamo vissuto, ci si aspetterebbero almeno un po’ di rispetto e di solidarietà umana. “Ne usciremo migliori”, dicevamo. E invece”.
 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *