Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Catorci abbandonati, pneumatici e motori: carrozzeria trasformata in discarica abusiva – Il Quotidiano Italiano

I Militari della Stazione Carabinieri forestale di Ceppeto, hanno svolto delle verifiche finalizzate ai controlli sulla corretta gestione dei rifiuti sul territorio nel Comune di Campi Bisenzio, in territorio Fiorentino. Nel febbraio 2021, dopo aver raggiunto la sede di una attività di carrozzeria in comune di Campi Bisenzio, hanno notato una situazione di degrado, dovuto alla presenza di veicoli accumulati nel tempo e di rifiuti di varia tipologia. Il titolare dell’attività ha riferito di essere in fase di fallimento e che avrebbe proceduto alla restituzione degli autoveicoli e allo smaltimento dei rifiuti. Con la volontà di ripristinare i luoghi, i militari hanno intimato l’uomo di portare a compimento entro in tempi brevi l’operazione. Dopo un altro sopralluogo da parte dei Carabinieri forestali, avvenuto nei giorni scorsi, la situazione è apparsa invariata.

I militari hanno trovato diciassette veicoli abbandonati, in disuso e in parte privi di elementi essenziali, di cui non veniva fornita la scheda di ingresso né la giustificazione riguardo la permanenza sul sito, circa duecento pneumatici fuori uso, una trentina di paraurti di autoveicoli in plastica, flaconi imbrattati di vernice, rifiuti in vetro, interni di veicoli, parti di motore e anche uno scarrabile pieno di parti di carrozzeria di veicoli. Di questi rifiuti non è stata prodotta alcuna documentazione attestante le modalità di smaltimento né il registro di carico e scarico dei rifiuti che consentisse di ricostruire l’epoca del deposito. Il carrozziere è stato quindi denunciato per attività di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi, sanzionata dal Testo Unico Ambientale (TUA), in quanto effettuata in assenza di autorizzazioni.

Fonte: ilquotidianoitaliano.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *