Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Catanzaro, barista “beffa” il dpcm: chiude alle 24, riapre 15 minuti dopo ma non viene multato. Ecco perché

Nel dpcm varato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il 13 ottobre, è stato stabilito che i locali devono chiudere a mezzanotte. Ma non è stato deciso a che ora possono riaprire. Così alcuni titolati di bar e pub hanno trovato il modo di aggirare (legalmente) le regole del decreto ministeriale, riaprendo i locali poco dopo la chiusura di mezzanotte.

Covid, dallo stop alle feste private alla stretta sulla movida: tutte le regole del nuovo Dpcm

E’ accaduto a Catanzaro Lido, dove un barista ha abbassato le serrande del locale a mezzanotte per poi riaprilo quindici minuti dopo.  Un altro episodio è stato segnalato anche a Bologna, alla stazione, dove un bar ha invece riaperto all’1 di notte, dopo un’ora di chiusura. Due casi che dimostrano come ci sia un vuoto legislativo di cui qualcuno si è accorto subito: manca l’orario di apertura dei locali e quindi è possibile riaprire subito.

Aldo Manoiero è il titolare del Bar Plaza Cafè di Catanzaro Lido che alla mezzanotte del 14 ottobre ha chiuso il locale per un quarto d’ora. I vigili urbani intervenuti non hanno potuto far altro che dargli ragione. «Il presidente Conte e i suoi super ministri laureati non hanno pensato che oltre alla chiusura c’è una riapertura per i locali» ha detto ad alcuni giornali locali. «Io ho chiuso regolarmente alla mezzanotte e l’ho fatto notare alle forze dell’ordine che pattugliavano la zona per far rispettare l’ordinanza – ha raccontato – , ma nel dpcm non è stata inserita l’informazione di quando una attività può riaprire». Il suo è un locale aperto 24 ore su 24 e a differenza degli altri non ha esposto l’orario di apertura e chiusura. Quindi il dpcm, nel suo caso, non ha “valore”.

Coronavirus, ecco come un bar può trasformarsi in un focolaio

«Io avendo una attività h 24 non ho orario di apertura e quindi manca il mio orario di apertura – ha spiegato ancora Manoiero –. Mi adeguerò a quello che dice il dpcm e continuo a riaprire alle 00:15». Una storia che sui social è diventata virale, dividendo, come sempre, l’opinione pubblica. Ora bisognerà attendere il nuovo dpcm del governo che potrebbe presto imporre la chiusura notturna per tutti.

Coronavirus, nonostante i divieti a Torino la movida non molla. E le forze dell’ordine stanno a guardare

L’ironia dei social dopo lo stop alle feste private: “Il dpcm segue le direttive di mia moglie”

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *