Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Casorate Primo, il parroco don Tarcisio Colombo contestato per l’omelia «no vax»: la gente se ne va

di Davide Maniaci

Almeno una ventina di persone hanno abbandonato in anticipo la celebrazione, dopo che il sacerdote aveva espresso le sue opinioni contrarie ai vaccini. La diocesi ambrosiana si dissocia: «Rispettare le prescrizioni sanitarie»

Durante l’omelia, man mano, i fedeli se ne sono andati dalla chiesa. Almeno una ventina di persone hanno abbandonato in anticipo la celebrazione per le parole «no vax» del sacerdote. È accaduto durante la messa del 31 dicembre a Casorate Primo (provincia di Pavia, arcidiocesi di Milano). Il parroco, don Tarcisio Colombo, ha criticato i vaccini e la linea adottata dal governo per contrastare la pandemia. «Nella vita – ha affermato – bisogna sapere ascoltare anche chi ha un’opinione diversa dalla propria. Se in questa fase storica si dice qualcosa di diverso sulla pandemia rispetto al sentire comune si viene additati come “no vax”».

Il sacerdote non ha voluto dire se si sia vaccinato contro il Covid-19: «A questa domanda rispondo solo ai medici, sulle questioni personali di salute non c’è bisogno di dare risposte a persone che non siano dottori». Durante l’omelia contestata, già segnalata alla Curia, la reazione di alcuni fedeli è stata quella di andare via platealmente. Don Tarcisio ha proseguito, sottolineando come «non venisse accettato un pensiero diverso».

Prevosto a Casorate Primo dal 2012, Colombo non è nuovo a posizioni di attualità espresse platealmente, e spesso controcorrente. Un atteggiamento che aveva già portato a tensioni con alcuni parrocchiani. Un esempio: nel 2019, nel bollettino parrocchiale, aveva indicato l’attivista Greta Thunberg come «modello pericoloso per i giovani», riprendendo le parole di una rivista e ribadendole in alcune omelie. Che, come ora, avevano diviso.

Al momento l’arcidiocesi di Milano non ha preso provvedimenti ufficiali contro don Tarcisio Colombo. Ma l’eco mediatica dell’episodio sta crescendo, e non si escludono decisioni nelle prossime ore. «La posizione della diocesi ambrosiana e della Chiesa – sottolinea il portavoce Stefano Femminis – sul tema dei vaccini è chiara e ribadita più volte: l’invito è quello di vaccinarsi subito e di rispettare le prescrizioni sanitarie. Una coerenza dimostrata dal fatto che molte parrocchie, durante le fasi vaccinali, abbiano reso disponibili i propri spazi. Nella diocesi però ci sono circa 1650 preti: è inevitabile che qualcuno sposi teorie diverse».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta
cliccare qui.

2 gennaio 2022 (modifica il 2 gennaio 2022 | 12:11)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *