Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Caronia: il luminol fa scoprire tracce di sangue, nuovi controlli nei boschi

Il dramma del Messinese


Tracce ematiche, non si sa ancora se di animali o umane, sono state trovate dal luminol durante le ricerche eseguite per tutta la notte tra venerdì e sabato nei casolari e nei ruderi che si trovano nelle zone attorno al luogo in cui è stato trovato il corpicino del piccolo Gioele, nel bosco di Caronia (Messina). Gli accertamenti della Polizia scientifica, in collaborazione con alcuni veterinari, sono proseguiti per tutta la notte in un’area vasta diversi ettari.

Aiutati dai gruppi elettrogeni dei Vigili del fuoco che illuminavano le zone da controllare, una decina di poliziotti, accompagnati anche da alcuni esperti, ha controllato anche alcuni allevamenti e cani, sia molossoidi che di altra specie, e dei suini dei Nebrodi, a cui sono stati fatti dei prelievi di sangue per estrarre il Dna. Servirà a capire se il Dna trovato sugli indumenti del piccolo Gioele, il cui corpo è stato martoriato dai morsi degli animali, non si sa ancora di che tipo, può essere comparato con quello di un componente della ‘macro fauna’ come la definiscono i medici legali.

Intanto, anche oggi sono proseguiti i controlli nella stessa zona. Due squadre dei Vigili del fuoco sono arrivate, poco dopo le 14, ‘armati’ di pale, picconi e diverse scatole. I Vigili del fuoco sono scesi proprio nella zona del ritrovamento dei resti del bambino di 4 anni, a circa 300 metri dal luogo in cui è stata trovata la madre Viviana Parisi. Sul posto anche diverse auto della Guardia di Finanza, dei carabinieri e della Polizia.

Nei prossimi giorni, sarà eseguito, invece, l’esame, disposto dal Procuratore di Patti, Angelo Vittorio Cavallo, sul cranio del piccolo Gioele. Ad effettuarlo sarà una équipe composta da geologi ed entomologi forensi. Dovranno capire se il terriccio attaccato sul cranio sia quello del luogo del ritrovamento. Gli inquirenti vogliono capire se il bambino sia morto lì dove è stato trovato o se il suo corpicino sia stato trascinato in quella zona da animali selvatici. Un’indagine “complessa”, come l’ha definita il Procuratore Cavallo.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *