Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Carburanti: a giugno 2022 i prezzi continuano a salire

Carburante

Il prezzo dei carburanti continua a salire, preoccupa la situazione mondiale, mentre in Italia si interrogano sulla proroga al taglio delle accise.

Non c’è tregua, i prezzi dei carburati in Italia continuano a salire indiscriminatamente. Su tutta la rete stradale del Bel Paese si registrano degli aumenti che vanno dai 3 ai 5 centesimi dei prezzi raccomandati di benzina e diesel. Il problema per gli automobilisti è che all’orizzonte non si prevede un periodo più roseo, anzi. A gettare l’allarme sul caro carburanti ci ha pensato John Kemp, giornalista della Reuters, che ha osservato l’andamento del mercato petrolifero, da cui discendo direttamente i prezzi dei carburanti.

Scenari internazionali tra le cause

Dietro a questa continua risalita dei prezzi del petrolio c’è l’ombra spaventosa della recessione economica in Europa e Nord America, quindi se da una parte abbiamo un abbassamento del prezzo del barile, dall’altra abbiamo chi soffia sul fuoco a causa delle sanzioni dell’Unione Europea nei confronti della Russia e della situazione dei lockdown in Cina. La conseguenza porterebbe a un’offerta di greggio più bassa rispetto alla domanda, con inevitabile crescita dei prezzi dei carburanti.

La scarsità di gasolio

Vi è anche da segnalare come le scorte dei cosiddetti distillati in USA, tra cui rientra il gasolio per le auto, stanno diminuendo, facendo registrare una forte carenza di stoccaggi in Nord America. A tutto questo va sommato come i prezzi del diesel soffrano l’influenza dell’alto livello di importazioni europee dalla Russia di questo carburante.

Carburanti: la situazione italiana

Per quanto riguarda la situazione italiana, il giorno importante per capire cosa succederà è l’8 luglio, quando scadrà il taglio delle accise sui carburanti attivo da diverse settimane. Il Governo si sta interrogando con alcune riflessioni sulla proroga della misura, ma ancora nulla è stato deciso. Sicuramente andrà presa una decisione prima del momento nel quale milioni di italiani si metteranno sulle strade per andare in vacanza. Purtroppo la situazione attuale non è delle più positive, infatti nonostante il taglio delle accise in molti parti della Penisola è stata superata la soglia dei 2 euro al litro.

Fonte: motori.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *