Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Capperi e Pipa, il drink di Francesco Pinto

Oggi presentiamo Capperi e Pipa, il drink di Francesco Pinto, responsabile sala e bar del Caramella, Cucina – pizza & bere bene di Roma. Un cocktail ispirato a ‘La Pipa’ di Raymond Carver.

INGREDIENTI:
50 ml Jim Beam bourbon2 gocce Laphroaig 10yo whisky 15 gocce Worcestershire sauce 
90 ml succo di pomodoro3 gocce tabasco 15 ml acqua di fiori di cappero 10 ml succo di limone 10 ml succo di lime Un pizzico di pepe Un pizzico di sale Maldon 

Bicchiere: Old Fashioned
Garnish: fiore di cappero

PREPARAZIONE: Versare gli ingredienti in uno shaker, aggiungere ghiaccio fino a riempirlo, chiudere lo shaker e ‘massaggiare’ il contenuto, disegnando un 8 in aria. La shakerata brusca rischia, infatti, di annacquare il succo di pomodoro. Versare il contenuto in un bicchiere basso, con un cubo unico di ghiaccio. Guarnire con un fiore di cappero.

ISPIRAZIONE: Il drink è stato creato per essere accompagnato da un piatto di vitello tonnato, in cui la carne è cotta a bassa temperatura, la salsa è a base di tonno e maionese e contiene anche fiori di cappero, oltre all’acqua di cottura. Un cocktail ‘americano’ e un piatto italiano, legati da un romanziere bevitore, sono la base di partenza da cui Francesco Pinto, bartender del Caramella, Cucina – pizza & bere bene, in Trastevere, a Roma, è partito per firmare il cocktail ‘Capperi e pipa‘. Il barman, di origini salernitane e a Roma da 7 anni, ha tratto ispirazione da un cliente, che spesso chiedeva il vitello tonnato, ma senza bere nulla di alcolico, perché sosteneva che niente si potesse sposare adeguatamente. Notare che leggeva sempre un libro di Raymond Carver e che una sera nello specifico stava leggendo la poesia ‘La pipa‘, è stata la scintilla dell’ispirazione. Di Carver si dice infatti che bevesse il classico drink Bloody Mary come un nutrimento, al posto del cibo. La verità è che probabilmente lo scrittore americano aveva un cattivo rapporto con l’alcol. Oggi la cultura del bere responsabile è diventata – per fortuna – un punto di riferimento, almeno nei locali di qualità e al Caramella la si sposa in toto. Quindi, Pinto ha proposto al cliente di accettare una sfida e assaggiare un drink in abbinamento e il pensiero è subito andato a un Bloody Mary, molto in voga in USA, ma in una variante con un bourbon americano, l’iconico Jim Beam del Kentucky, distribuito in Italia da Stock Spirits. L’acqua dei fiori di cappero sostituisce in parte il sale della ricetta classica e offre maggiore delicatezza. In aggiunta, un pizzico di Laphroaig, il whisky scozzese affumicato per eccellenza, per giocare coi sapori, rendendo più particolare il drink.

Fonte: lifestyleblog.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *