Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Cancro: uno stile di vita sano può aiutare a mitigare il rischio genetico


Un nuovo studio indica che adottare uno stile di vita sano può ridurre l’incidenza del cancro, anche nei soggetti ad alto rischio genetico.

Uno stile di vita salutare può ridurre il rischio di contrarre il cancro, anche nei soggetti ad alto rischio genetico.

Lo afferma uno studio promosso dai ricercatori della Nanjing Medical University in Cina che sono giunti alla conclusione calcolando i punteggi di rischio poligenico individuali (PRS) – stime personalizzate del rischio di cancro di un individuo – per 16 tumori negli uomini e 18 tumori nelle donne.

Gli studiosi hanno utilizzato i dati del genotipo di oltre 200.000 uomini e quasi 240.000 donne nello studio e hanno calcolato il punteggio di rischio poligenico del cancro (CPRS) di ogni persona.

Gli individui hanno anche classificato i loro stili di vita come sfavorevole, intermedio e favorevole a seconda di fattori tra cui fumo e consumo di alcol, indice di massa corporea, livelli di esercizio fisico e dieta.

La ricerca ha mostrato che i pazienti con uno stile di vita sfavorevole e il più alto rischio genetico (nel quintile superiore dei punteggi poligenici) avevano 2,99 volte – per gli uomini – e 2,38 volte – nelle donne – più probabilità di sviluppare il cancro rispetto a quelli con uno stile di vita favorevole e il più basso quintile di rischio genetico.

Considerando quelli ad alto rischio genetico, l’incidenza del cancro entro cinque anni è stata del 7,23% negli uomini e del 5,77% nelle donne con uno stile di vita sfavorevole, mentre era del 5,51% negli uomini e del 3,69 per cento nelle donne con uno stile di vita favorevole.

Questa tendenza è stata osservata in tutte le categorie di rischio genetico.

Per questo l’autore principale dello studio, Guangfu Jin suggerisce che tutti i pazienti potrebbero beneficiare di uno stile di vita sano, qualunque sia il loro rischio genetico.

«I nostri risultati indicano che tutti dovrebbero avere uno stile di vita sano per ridurre il rischio complessivo di cancro», ha detto Jin.

«Questo è particolarmente importante per le persone con un alto rischio genetico di cancro. Ci auguriamo che il nostro CPRS possa essere utile per migliorare la consapevolezza di una persona sulla propria suscettibilità ereditaria al cancro nel suo insieme e incoraggiarla a partecipare ad attività salutari».

Lo studio è stato pubblicato su Cancer Research, una rivista dell’American Association for Cancer Research.

Covermedia

Fonte: bluewin.ch

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *