Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Campioni dello sport e Covid 19: Usain Bolt positivo, l ansia di Serena Williams

Anche i campioni dello sport mondiale di ieri e di oggi stanno giocando una partita contro un nemico invisibile. Come tutto il resto dell’umanità sono costretti a fare i conti con la pandemia che per mesi ha fermato le discipline sportive, con conseguente slittamento dei grandi eventi, dalle Olimpiadi di Tokyo al Tour de France, da Wimbledon agli Europei di calcio. Il mondo dello sport è uscito dal lockdown, ma brancola ancora nel tunnel dell’ansia come dimostrano le due storie, di Usian Bolt e Serena Williams.

Usain Bolt è risultato positivo al Covid-19. L’uomo più veloce del mondo ha comunicato attraverso i suoi canali social di essere in quarantena. «Ho fatto il tampone. Non ho i sintomi, sto bene. Starò in isolamento». Pochi giorni prima aveva festeggiato i 34 anni (compiuti il 21 agosto). La festa – senza mascherine e senza distanziamento sociale come si vede chiaramente dai vide postati – si è tenuta a Kingston, la capitale della Giamaica, ed è stata organizzata dalla fidanzata, la 30enne Kasi Bennett, conosciuta nel 2014 e madre di una figlia di appena tre mesi che si chiama Olimpia Lightning. Al party erano presenti molte personalità del mondo dello sport e dello spettacolo.

Tra gli altri, c’era il cantante reagge Chris Martin, la star giamaicana (sempre del reggae) Dwaine «Ding Dong» Ottey e la stella del cricket Christopher Gayle, più un paio di calciatori famosi, come il giamaicano Leon Bailey del Bayer Leverkusen e l’inglese Rahem Sterling del City.

Lo sprinter più vincente della storia dell’atletica (8 ori olimpici e 11 mondiali), primatista del mondo di 100 (con lo strabiliante 9”58 a Berlino 2009), 200 (19”19 sempre a Berlino 2009) e 4×100 domenica – alla fine della festa – ha lasciato l’attività nel 2017. Non ha ancora deciso cosa fare del suo futuro. Ha provato col calcio, ma a parte qualche esibizione e qualche allenamento con i top-club; ha lasciato subito perdere. Per ora se ne sta a casa, in Giamaica; nell’attesa di schiarirsi le idee.

Serena Williams invece sta partecipando al WTA di Cincinnati 2020 e al debutto ha avuto la meglio – dopo tre ore di lotta – contro l’olandese Rus. Ma la più vincente campionessa del tennis di questi ultimi anni sta vivendo giorni tormentati. Ha ammesso lei stessa di essere terrorizzata dall’ansia del contagio. «Non voglio prendere il Covid – ha dichiarato – Ho avuto problemi ai polmoni e sarebbe un rischio troppo grande». Per questo ha scelto l’autoisolamento, rifiutando di alloggiare in hotel – «Ci sono troppi rischi di contagio» – e scegliendo una casa privata a New York, dove è vietato l’accesso anche agli addetti alle pulizie. L’ex numero 1 del mondo, arrivata a 38 anni e dopo una carriera straordinaria, sta inseguendo l’ultimo obietto: vincere l’Us Open – e quindi lo Slam numero 24 – e raggiungere l’immensa Margaret Court. C sta provando, gestendo l’ansia e lo stress.

LEGGI ANCHE

Bolt, l’uomo più veloce del mondo è diventato papà

LEGGI ANCHE

https://www.vanityfair.it/people/family-vip/2020/07/08/usain-bolt-figlia-femmina-olympia-foto-gossip

Fonte: vanityfair.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *