Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Cambiare motore alla barca? Dipende dalla potenza e…

Raoul ha una barca veloce e con motori potenti, ma è possibile convertirla in elettrica conservando le stesse prestazioni? Eliminando carburante e l’ingombrante motore termico? In questo caso non basta cambiare sistema di propulsione. Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i quesiti vanno inviati alla mail [email protected]

Ho una barca e voglio sostituire i due motori turbodiesel da 118 CV

punto interrogativoHo un natante di 7,60 x 2,60 metri attualmente motorizzato con due motori turbodiesel da 118 CV cadauno del peso di circa 500kg cadauno.  Totalmente l’assieme navigante pesa circa 3200/3500kg coi motori attuali ho una velocità massima di 26/27 nodi (circa 50Km/h), ma la velocità di crociera si attesta sui 18/20 nodi (34/36 km/h). A bordo ho 3 batterie al piombo, 2 da 100A/h e una da 55A/h che viene ricaricata e mantenuta da dei pannelli fotovoltaici che attualmente uso per alimentare frigorifero e servizi vari. Per l’autonomia, attualmente ho un serbatoio carburante da 300 litri“.

“E installare anche un generatore endotermico”

nautica elettrica
Una barca elettrica

Questa la descrizione, poi l’idea di Raoul: “Ritengo che togliendo il peso dei motori e del serbatoio avrei un budget in kg sufficiente per batterie e motori. Eventualmente si potrebbe anche pensare ad un generatore endotermico, che in ogni caso sarebbe notevolmente più piccolo e leggero degli attuali propulsori“.

Dal termico all’elettrico non è semplice

nautica elettrica
Leandro Scomazzon

Risponde Leandro Scomazzon, Ceo di Huracan Marine e con un curriculum degno di nota:  è stato amministratore delegato di Aprilia SpA fino al 2003 e poi di Moto Guzzi SpA fino al 2004.

Partiamo da un concetto per chi vuole trasformare in elettrico la sua imbarcazione. Questa è stata progettata con uno scopo preciso: l’utilizzo di motore a combustione e non per la propulsione elettrica.

Passiamo al quesito del lettore:  l’imbarcazione ha due motori per un totale di circa 230 CV e può arrivare a 26 nodi. Stimiamo che alla velocità di crociera di 20 nodi utilizzi circa 150 CV che corrispondono a circa 110 kW.  Un motore elettrico da 110 kW pesa circa 150 kg e una batteria di 110 kWh, che permetterebbe 1 ora di navigazione alla velocità di crociera, pesa circa 800 kg, Prima conclusione: con 950 kg si può viaggiare a 20 nodi per 1 ora.

YouTube player

Possiamo aggiungere un generatore per caricare la batteria: un generatore a giri variabili da 15 kW pesa circa 200 kg (800x500x600 mm) e potrebbe impiegare circa 9 ore per ricaricare la batteria con 2 carica batteria da 6,6 kW (attuale offerta di prodotto sul mercato). Potremmo mettere 2 generatori per dimezzare i tempi. Uno solo da 30 kW pesa 600 kg poiché a queste potenze cambia la tecnologia dei costruttori di generatori. 

Pensare allo scafo e con aspettative diverse

Come si può convenire non sembra una installazione che ha una logica, se queste aspettative di prestazioni rimangono tali anche nel passaggio alla propulsione elettrica. Come per le automobili, bisogna progettare le imbarcazioni con obiettivi di autonomia piuttosto che di prestazioni.
Leggerezza prima di tutto e capacità di galleggiare per sopperire ai pesi delle batterie e non offrire resistenza al moto in acqua”.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube—

Fonte: vaielettrico.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *