Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Bollettino contagi Covid di oggi 6 gennaio. Dati ricoveri e morti: Italia e regioni

Roma, 6 gennaio 2022 – Cresce la pressione del Coronavirus in Italia, con tutte le curve in aumento (contagi Coid, ricoveri, terapie intensive e morti). Il bollettino del Ministero della Salute registra per la prima volta dall’inzio della pandemia oltre 200mila casi in un giorno.

Covid, il bollettino del 6 gennaio 2021

Sommario

Obbligo vaccinale: guida alle nuove misure

La mappa Ecdc del 6 gennaio 2022

Scuole aperte con nuove regole

Continua comunque ad aumentare la preoccupazione per i numeri. “Sanità territoriale in tilt” con la pressione sugli ospedali che sale, rileva Gimbe, segnalando che sono aumentati, infatti, del 28% i ricoveri e del 21,6% le terapie intensive nella settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio rispetto a quella precedente. In particolare, viene messo in evidenza, continuano a crescere i ricoveri con sintomi (12.912 vs 10.089) e le terapie intensive (1.392 vs 1.145).

Secondo i dati Agenas del 5 gennaio a livello nazionale il tasso di occupazione di posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti ospedalieri sale al 21% e, in 24 ore, cresce in 13 regioni: Calabria (al 33%) Liguria (32%), Abruzzo (17%), Lombardia (23%), Marche (24%), Molise (13%), Piemonte (25%), Puglia (13%), Sardegna (11%), Sicilia (25%), Toscana (17%), Umbria (28%), Veneto (21%). Stabili oltre soglia del 15%: Basilicata (20%), Campania (19%), Emilia Romagna (18%), Friuli (24%), Lazio (20%), PA Trento (19%). Il tasso è in calo nella PA Bolzano (16%) e Valle d’Aosta, che col 45% resta la regione con la situazione più critica.

Secondo l’Institute for Health Metrics and Evaluation (Ihme), un centro di ricerca indipendente sulla sanità globale dell’università di Washington, in Italia il picco dei decessi per Covid potrebbe arrivare a metà febbraio. Stando alle proiezioni dell’Ihme, potrebbe esserci tra i 343 e i 576 morti al giorno in Italia, a seconda delle variabili (uso della mascherina, severità della variante Omicron, terze dosi ed esitazione vaccinale). 

Covid, contagio alla vigilia della terza dose: che fare?

Superata quota 200mila contagi in un giorno: sono 219.441 in 24 ore. I morti 198.

Sono 52.693 i nuovo casi positivi in Lombardia analizzando 230.400 tamponi. Dunque, ancora un record considerando che ieri erano 51.587 su 214.700. Sono 46 le persone decedute. Crescono di tre unità i ricoveri intensiva, ora 2.510, e di 99 quelli in altri reparti, ora 2.519. In isolamento domiciliare 428.821 lombardi. L’occupazione dell’area medica è al 21,1%, della terapia intensiva al 15,0%. A Milano sono 17.036 i postivi, a Bergamo 4.709, a Brescia 6.615, a Como 2.737, a Cremona 1.681, a Lecco 1.688, a Lodi 1.659, a Monza e Brianza 4.912, a Mantova 1.704, a Pavia 2.758, a Sondrio 852, a Varese 4.531.

In Emilia-Romagna 18.413 contagi su un totale di 62.472 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Sono 140 i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna (-1 rispetto a ieri); l’età media è di 62 anni. Sul totale, 109 (quindi il 77,9%) non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 60,4 anni), mentre i restanti 31 sono vaccinati con ciclo completo (età media 67 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.744 (+122 rispetto a ieri). Nei dati comunicati oggi al ministero della Salute, ai 18.413 nuovi casi odierni sono stati sommati altri 20.115 casi di positività riscontrati tra il 27 dicembre 2021 e il 3 gennaio di quest’anno. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite sono 3.536 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 456.114. Si registrano 24 decessi: due in provincia di Parma (due donne di 90 e 97 anni); due in provincia di Reggio Emilia (due donne di 82 e 99 anni); tre in provincia di Modena (un uomo di 95 anni e due donne di 86 e 95 anni), sette in provincia di Bologna (tre donne di 74, 81 e 98 anni, e quattro uomini di 67, 82, 83 e 86 anni), quattro in provincia di Ravenna (quattro donne di 76, 81, 87 e 89 anni), tre in provincia di Forlì-Cesena (una donna di 90 anni e due uomini di 73 e 91 anni). Infine gli ultimi tre decessi riguardano la provincia di Rimini, tre donne di 66, 72 e 73 anni.

Non accenna a fermarsi l’aumento dei positivi in Veneto: nelle ultime 24 ore si sono registrati 18.129 nuovi casi. Il bollettino regionale segnala anche 14 decessi, con il totale delle vittime che sale a 12.487. Numeri in aumento anche per gli attuali positivi, che sono 151.214, 14.491 in più di ieri. Diminuiscono invece i ricoveri sia in area non intensiva, che sono 1.325 (-70), che in terapia intensiva 202 (-9).

I nuovi casi di Covid registrati in Toscana nelle ultime 24 ore sono 17.286 su 75.524 test di cui 22.889 tamponi molecolari e 52.635 test rapidi. Lo riferisce il presidente della Regione Eugenio Giani. Cala il tasso complessivo dei nuovi positivi sui test effettuati, che passa dal 25,19% di ieri al 22,89% odierno, mentre il tasso dei positivi sulle prime diagnosi sale, attestandosi oggi al 75,4% contro il 74,6% di ieri.  I ricoverati sono 1.001 (40 in più rispetto a ieri), di cui 98 in terapia intensiva (8 in più). Oggi si registrano 18 nuovi decessi: 8 uomini e 10 donne con un’età media di 85,5 anni.

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 14.103 nuovi casi. I ricoverati in terapia intensiva sono 136 (+14 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.513 (+53 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 119.115.

Oggi nel Lazio su 32.839 tamponi molecolari e 77.458 tamponi antigenici, per un totale di 110.297 tamponi, si registrano 14.055 nuovi casi positivi, sono 7 i decessi, 1.371 i ricoverati (+70), 184 le terapie intensive (+8) e +1.598 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 12,7%. I casi a Roma città sono a quota 6.757.

Oggi in Puglia sono stati registrati 75.641 test e 5.558 casi positivi: 2.333 in provincia di Bari, 634 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 568 in quella di Brindisi, 642 in provincia di Foggia, 1.022 in provincia di Lecce, 226 in provincia di Taranto nonché 114 residenti fuori regione e 19 di provincia in via di definizione. Inoltre sono stati registrati 8 decessi. Attualmente sono 45.648 le persone positive, 384 sono ricoverate in area non critica e 38 in terapia intensiva. 

Sono 4.808 i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 128900. Dei positivi odierni, 3.670 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso (si tratta di un 86enne della provincia dell’Aquila) e sale a 2.655. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 88.268 dimessi/guariti (+144 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 37.977 (+4.662 rispetto a ieri).

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 10.131 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.833 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 40,96%. Sono inoltre 17.206 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2.326 casi (13,52%). Il totale dei casi positivi è dunque 4.159. Nella giornata odierna si registrano i decessi di 9 persone.

Dopo giorni di crescita costante scendono a 193, da 196 di mercoledì, i ricoverati Covid in Umbria. C’è però un posto in più occupato nelle nelle terapie intensive, 12 ora, e si registrano altri due morti, 1.516 dall’inizio della pandemia. I nuovi positivi emersi nell’ultimo giorno sono 3.206, meno 19 per cento su base quotidiana, e 1.925 guariti, con gli attualmente positivi ora 31.863, 1.279 in più. Sono stati analizzati 5.382 tamponi e 15.934 test antigenici, con un tasso di positività sul totale del 15 per cento in calo rispetto al 19,7 per cento di mercoledì.

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 3.120 casi rispetto ai 14.873 tamponi processati nel percorso per le nuove diagnosi, con un tasso di positività al 21% (ieri era al 17,3% con 2.147 casi). L’incidenza cumulativa su 100 mila abitanti è cresciuta ancora, passando da 697,87 a 784,86. Sono 293 (-3) i pazienti assistiti nei reparti ospedalieri delle Marche e 43 (-12) nei pronto soccorso in attesa di essere trasferiti nei reparti. Nelle terapie intensive ci sono 50 pazienti (-2) e il tasso di occupazione dei posti letto è al 19,4%; sono 57 (come ieri) i pazienti nelle aree di semi intensiva e 186 (-1) i ricoverati nei reparti non intensivi, con l’occupazione dei posti letto in area medica è al 24,2%. Nelle ultime 24 ore sono state registrate altre 4 vittime.

Record di nuovi positivi in un giorno anchein Liguria: sono 3.066, mai erano stati così tanti in 24 ore da inizio pandemia. Il precedente primato era di 2.432 registrato il primo gennaio di questo anno. I nuovi positivi sono emersi da 10515 tamponi molecolari e 14.130 test rapidi (ma questo dato comprende anche quelli del giorno precedente che non erano stati registrati per un guasto informatico). Il tasso di positività è del 12,41%. Attualmente i positivi in Liguria sono 24.199, 645 più di ieri. I guariti in due giorni sono 2.412 (ieri il dato non era stato fornito per un problema tecnico). C’è una impennata di contagiati nel Savonese con 789 casi, e crescono anche nell’area di Genova con 1.181 positivi, mentre 404 sono nello Spezzino, 358 nel Tigullio e 334 nell’Imperiese. C’è anche il record di ricoverati nella quarta ondata: 40 in più rispetto a ieri. Gli ospedalizzati sono 647 con 44 in terapia intensiva (30 non sono vaccinati), erano 45. I morti sono 9, avevano un’età compresa tra 66 e 91 anni. Tre sono morti all’ospedale di Savona, 6 in nosocomi genovesi. 

Sono 2.602 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al coronavirus in Calabria su 11.810 tamponi eseguiti. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al Covid: rispetto a ieri sale il rapporto tra tamponi fatti e tamponi positivi (dal 16,35% al 22.03%). Dall’inizio dell’emergenza i decessi sono 1.656 (+9 rispetto a ieri), i guariti sono 96.601 (+737 rispetto a ieri), attualmente i ricoveri sono 386, di cui 356 in area medica (+3 rispetto a ieri) e 30 in terapia intensiva (+1 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 23.296 (+1.856).

in Alto Adige 1.590 contagi e 3 decessi, in Sardegna 1.296 e 2 vittime, in Basilicata 1.032 positivi e 2 decessi, in Molise 307 nuovi casi. In Valle d’Aosta 551 nuove infezioni e 2 morti.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *