Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Bollette, senza correttivi, forti rincari a inizio 2022. Nuovo allarme Authority

I punti chiave

3′ di lettura

L’ultimo allarme sulle bollette di luce e gas è passato quasi in sordina. Ma la sostanza del messaggio lanciato in più occasioni dall’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera) non cambia: in assenza di nuovi correttivi da parte del governo, nuovi rincari si profilano in arrivo nel primo quadrimestre 2022. Questa volta il richiamo dell’Arera è arrivato con l’audizione nei giorni scorsi del suo presidente, Stefano Besseghini, davanti alla X Commissione Attività produttive della Camera ed è stato messo nero su bianco nella memoria consegnata a valle ai parlamentari. Ma cosa dice l’Arera?

La misura tampone di fine luglio

Davanti ai deputati, Besseghini ha innanzitutto ricordato le due manovre messe in campo dall’esecutivo per attutire l’impennata che si è registrata prima a fine luglio e poi a monte dell’ultimo aggiornamento trimestrale. Nel primo caso, ha ricordato l’Arera, con il Dl 73 del 2021 (convertito con la legge 106/21), governo e Parlamento hanno stanziato 1,2 miliardi di euro per finanziare la riduzione della componente Asos (la voce che in bolletta è destinata soprattutto a finanziare lo sviluppo delle rinnovabili) per il terzo trimestre 2021. A questo, l’Arera ha affiancato altre misure intervenendo anche sugli oneri rimanenti (componente Arim). Con il risultato che l’aumento delle bollette elettriche è stato ridotto al +9,9% (in assenza di misure sarebbe stato di oltre il 20 per cento).

Loading…

La manovra da 3,5 miliardi

Poi, a fine settembre, un’ulteriore manovra in considerazione delle nuove tensioni sui prezzi che non hanno alleggerito i riverberi sulla bolletta. Così il governo, sfruttando anche la collaborazione dell’Autorità, ha concepito un nuovo intervento per complessivi 3,5 miliardi di euro che hanno consentito, da un lato, di attenuare l’effetto degli aumenti di luce e gas per 29 milioni di famiglie e oltre 6 milioni di utenze elettriche “non domestiche”, e, dall’altro, di neutralizzare l’impatto dei rincari per i titolari dei bonus sociali.

Le tensioni sui prezzi

E ora, guardando all’immediato futuro, l’Autorità non è ottimista. Il motivo? La risposta è netta nella memoria consegnata in Parlamento. «I prezzi dell’energia elettrica in Europa, e in Italia in particolare seguono i corsi del mercato del gas naturale (e di quello di permessi di emissione) che costituisce la fonte degli impianti di produzione marginali». Le quotazioni di questi giorni, prosegue l’Arera, «pur con un leggero ribasso rispetto ai massimi delle scorse settimane vedono prezzi medi attorno ai 170 euro per megawattora per tutto il periodo invernale, per poi scendere intorno ai 110 euro per megawattora a partire dal mese di aprile 2022».

Nuovi rincari in arrivo

Alla luce di questo andamento, è la stima dell’Authority, si profila dunque per il primo quadrimestre 2022 «un ulteriore, potenzialmente significativo, aumento dei prezzi per i servizi di tutela (le attuali quotazioni del gas naturale per il primo trimestre 2022 sono molto superiori a quelle utilizzate lo scorso aggiornamento), che determinerebbe criticità simili q quelle affrontate per il quarto trimestre 2021». Ergo, in assenza di ulteriori interventi, a inizio anno si rischi una doppia batosta sia per gli aumenti legati ai prezzi delle commodities sia per i rincari derivanti dal ripristino delle componenti a copertura degli oneri generali di sistema che sono stati calmierati con le ultime manovre del governo.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *