Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Bmw Serie 3 Touring Phev, ibride con intelligenza propria – La Prova di ANSA Motori

L’ultima generazione della Bmw Serie 3 Touring in variante Phev (ibrida plug-in) rappresenta una concreta dimostrazione di come un’automobile non elettrica possa non solo avvicinarsi a quell’obiettivo di ’emissioni zero’ – pur continuando a basare funzionamento e autonomia su una fonte fossile – ma sia anche capace di sostituirsi con l’intelligenza artificiale e il Cloud allo stesso guidatore, per migliorare sicurezza e rispetto ambientale.
    Dal punto di vista dell’efficienza energetica all’avanguardia, il ‘segreto’ delle prestazioni della 320e Touring e della 330e Touring (sigle che corrispondono alla presenza del sistema ibrido plug-in) sta nella tecnologia Bmw eDrive di quarta generazione, la base su cui si fonda l’offensiva della Casa di Monaco nel settore dei modelli con motori termici elettrificati che comprenderà ben 25 auto di questo tipo entro il 2023.
  

  Nel caso della 320e Touring l’interazione ‘intelligente’ tra motore a combustione e unità elettrica offre la tipica dinamica del brand (204 Cv, 350 Nm di coppi, 0-100 in 7,6 secondi) ma con una efficienza che non ha paragoni. Il consumo di carburante combinato, secondo le norme Wltp, si ferma a soli 1,9 – 1,4 litri ogni 100 km (valori da scooter) e le emissioni di CO2 combinate sempre secondo l’omologazione Wltp sono di 44 – 32 g/km. Nella nostra prova abbiamo rilevato un consumo di circa 5,5 l/100 km. Le batterie agli ioni di litio del sistema Phev da 12,0 kWh consentono inoltre un’autonomia elettrica – secondo il ciclo di prova WLTP – che va da 46 a 54 chilometri, valore vicino alla percorrenza media giornaliera in ambito urbano.
    Con la variante 330e Touring xDrive (cioè dotata di trazione integrale) la situazione resta di un bel ‘green’ vivace: una serie di sofisticate soluzioni, come l’Auto Start Stop, l’Optimum Shift Indicator, la funzione Coasting – il veleggio a motore spento nelle modalità Eco Pro e Comfort – e il Proactive Driving Assistant che sfrutta i dati in tempo reale della navigazione, la Bmw 330e Touring è omologata Wltp con un consumo combinato fra 1,9 e 1,4 litri per 100 km ed emissioni di CO2 pari a 42 – 31 g/km. I livelli più elevati di potenza e coppia si traducono in uno scatto ancora più brillante, solo 5,9 secondi da 0 a 100.
    Bmw 330e Touring xDrive aggiunge una interessante tecnologia che rende ancora più sportivo il comportamento senza compromettere il rispetto ambientale. Si tratta del sistema XtraBoost, utilizzabile ponendo la modalità di guida in Sport oppure in posizione M/S per ottenerlo automaticamente nei kickdown.
    Con l’XtraBoost la potenza del sistema viene incrementata di 40 Cv per alcuni secondi raggiungendo così i 292 Cv. Le caratteristiche sportive generali della 330e Touring sono sottolineate anche dal particolare ‘suono’ del sistema, da un funzionamento del pedale dell’acceleratore più diretto rispetto alle altre versioni e da uno specifico programma di passaggio dei rapporti nella trasmissione Steptronic che include anche la scalata automatica in frenata.
    Nel test di ANSA Motori abbiamo però potuto apprezzare anche i nuovi contenuti ‘digitali’ di questo modello, nello specifico il Connected Package Professional che è compreso di serie nel Live Cockpit Plus nei modelli ibridi plug-in. Un insieme di servizi, questi, che sono stati appositamente progettati per la mobilità elettrica ed elettrificata, così da rendere ancora più facile sfruttare gli aspetti ‘eco’ di queste auto. E’ il caso del Bmw eDrive Zone, che si sostituisce al guidatore nel passare alla modalità 100% elettrica non appena il veicolo entra in un’area urbana Ztl riconosciuta come eDrive Zone per mezzo della funzione Geo-Fencing via GPS. Per il momento a Roma, Milano e Torino (oltre che in 80 città europee) il sistema di controllo della propulsione ibrida plug-in attiva automaticamente la modalità elettrica. Tra le nuove funzioni digitali, spicca anche il Drive Recorder che è legato al Parking Assistant Plus. Il sistema utilizza le telecamere dei vari sistemi di assistenza alla guida per registrare filmati da diversi punti intorno al veicolo, prima di archiviare le registrazioni in modo che possano essere guardate in un secondo momento sul Control Display quando l’auto è ferma o esportata tramite la porta USB. Un indubbio vantaggio quando tornando all’auto ci si accorge che i paraurti o altri elementi della carrozzeria sono stati urtati o vandalizzati. Il listino delle nuove Bmw Serie 3 Touring ibride plug-in varia dai 50.850 euro della 320e fino ai 67.900 euro della 330e xDrive in allestimento M-Sport. 

Fonte: ansa.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *