Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Bimbo caduto dal balcone a Napoli, la vicina del domestico: “Lo sentivo parlare da solo, urlava anche di notte”




“Aveva problemi e si notavano, ma nessuno pensava che avrebbe fatto male a un bambino”, racconta la donna a “Pomeriggio Cinque”

“Era strano: camminava, all’improvviso urlava che lo stavano picchiando e lo volevano uccidere, però era da solo”. A parlare è la vicina di casa di Mariano Cannio, il 38enne accusato dell’omicidio del piccolo Samuele, precipitato dal balcone di casa venerdì 17 settembre a Napoli, in via Foria.

Come raccontato dalla donna ai microfoni di “Pomeriggio Cinque”, Mariano era solito urlare anche di notte, pur essendo da solo, ed era soggetto a comportamenti che avevano insospettito l’intero vicinato: “Tutto il quartiere lo chiamava per le pulizie perché dicevano che era veramente bravo – prosegue – Aveva problemi e si notavano, però nessuno avrebbe mai pensato che potesse fare del male a un bambino”.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *