Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Berlusconi e le telefonate con l’ambasciatore russo: “Mi ha spiegato la verità sulla guerra”

ROMA – “Ho parlato con l’ambasciatore Razov, mi ha spiegato che la Russia…”. Mercoledì scorso. Sono le ore folli che precedono la crisi di governo. Silvio Berlusconi alza il telefono, prima di eclissarsi a metà giornata e non rispondere al cellulare per almeno un’ora. Chiama un paio dei suoi ministri. Contatta alcuni parlamentari azzurri. Si confida con diversi big accorsi a Villa Grande, dove si sta consumando la cacciata di Mario Draghi.

A tutti, il Cavaliere consegna alcune critiche sui presunti errori in politica estera del premier che sta per silurare. E a un certo punto si lascia sfuggire una vera e propria rivelazione: “Ho parlato con l’ambasciatore russo in Italia Razov. Mi ha spiegato le loro ragioni, cosa ha fatto Zelensky“. Di più: “Mi ha raccontato che è stata l’Ucraina a provocare ventimila vittime nelle zone contese. E che l’invasione era necessaria perché il rischio era che l’Ucraina attaccasse la Russia”.

Al di là dell’enormità della tesi, che stravolge tutti i recenti eventi della crisi ucraina, il Cavaliere rende noto qualcosa che noto non era: il leader di uno dei partiti di maggioranza che non voterà la fiducia al presidente del Consiglio – lui, sì, attestato su una linea atlantica – è entrato in contatto con il terminale diplomatico di Mosca in Italia. Con chi cioè, ai massimi livelli, brinderà all’affossamento dell’ex banchiere.

L’arma dei migranti sul voto: i barconi spinti in Italia dai mercenari della Wagner

E d’altra parte, non è un mistero che Silvio Berlusconi sia sensibile alle ragioni di Mosca. Il suo rapporto con Putin è antico, consolidato, cementato in passato dalla sintonia su numerosi dossier. Nulla o quasi è cambiato dopo l’attacco di Mosca all’Ucraina. Al 24 febbraio sono seguiti giorni di silenzio. Poi è arrivata una prima, moderata presa di posizione contro l’aggressione. Infine il Cavaliere è tornato a sposare le tesi dello Zar. Secondo diverse fonti, la virata è nata dopo un primo contatto con i russi. E si è concretizzata il 20 maggio scorso. A Napoli per un evento di Forza Italia, l’ex premier critica la Nato e rilancia: “L’Europa deve fare una proposta di pace cercando di far accogliere agli ucraini le domande di Putin. Inviare armi significa essere cobelligeranti”. In quelle settimane pressioni della diplomazia americana giungono fino a Gianni Letta, per comprendere la linea del Cavaliere. Ma dura poco. Berlusconi non si spende per Kiev. Fino alla telefonata con Razov, rivelata dallo stesso leader.

L’ambasciata russa in Italia è anche il canale con cui Salvini tiene i contatti con Mosca. Il teatro di incontri con Razov subito dopo l’avvio della guerra. Secondo alcune indiscrezioni, il leghista avrebbe ripreso a frequentare la sede diplomatica nelle ultime settimane. Tre o quattro volte tra fine giugno e fine luglio, ospite di Razov o del suo vice. Lo staff di Salvini, pur rivendicando i colloqui del passato, sostiene però che “gli ultimi contatti del segretario con l’ambasciata risalgono a maggio”. Repubblica ha chiesto un commento anche all’ambasciata russa, senza ottenere risposta. Fonti di intelligence escludono, invece, che ci possa essere stato un controllo del lavoro di parlamentari o leader politici, oggi come nei mesi scorsi. Diverso è il discorso dal punto di vista russo: come dimostra il caso Biot, l’ambasciata lavora da tempo come centrale del controspionaggio. Per influire, in qualche modo, sulle vicende politiche interne.

Di certo, il dialogo tra Berlusconi, Salvini e la diplomazia russa imbarazza Giorgia Meloni. Già nel mirino della stampa internazionale, deve provare a distinguersi dagli alleati. E rassicurare l’attuale amministrazione Usa, che ha memoria dei suoi passati rapporti con Donald Trump. “Saremo garanti senza ambiguità della collocazione italiana – promette – e dell’assoluto sostegno all’eroica battaglia del popolo ucraino”.

Sono tutte novità che si aggiungono a quanto pubblicato ieri dalla Stampa sui contatti avuti il 27 e 28 maggio dal consigliere di Salvini per i rapporti internazionali, Antonio Capuano, con Oleg Kostyukov, un funzionario dell’ambasciata russa, nel periodo in cui Carroccio e 5S si opponevano all’invio di armi a Kiev. Il funzionario avrebbe chiesto se i ministri leghisti fossero intenzionati a dimettersi. Il leader del Carroccio ha replicato parlando di “fake news”. Il sottosegretario con delega ai Servizi Franco Gabrielli ha negato un ruolo dell’intelligence italiana nella vicenda. Enrico Letta e Luigi Di Maio denunciano però queste “rivelazioni inquietanti”. E anche Fratelli d’Italia attacca: “Le questioni di carattere internazionale vanno chiarite e approfondite”.
 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *