Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Benevento, pseudo cure per malattie gravi: indagati due finti medici

Le indagini sono scattate alla

fine del marzo 2021

, in seguito alla

denuncia presentata dai fratelli della donna 

“curata” da uno dei due indagati morta in circostanze sospette. Secondo gli inquirenti, i due fratelli, approfittando della

vulnerabilità dei loro numerosi pazienti

, spesso spaventati da patologie immaginarie, avrebbero esercitato abusivamente l’attività sanitaria. Dalle indagini non è infatti risultato

nessun titolo abilitante

in loro possesso.

I due, attivi nella provincia di Benevento, non si sarebbero limitati a prescrivere sedicenti terapie di

pseudomedicinali naturali

, in alcuni casi spacciati anche come adatti a malattie oncologiche, ma avrebbero svolto anche

trattamenti pseudosanitari e pseudoterapeutici

.

Non solo, i due fratelli avrebbero ottenuto una certa fama perché promotori di un innovativo “

modello di cura

– scrive in una nota il procuratore Aldo Policastro – precipuamente diretto, a loro dire, alla cura di malattie oncologiche, che accreditavano presso i pazienti spendendo la collaborazione di

un luminare ed esperto della “medicina naturale”

in Germania, e praticavano

trattamenti per endovena e autotrasfusioni ematiche

, con metodiche artigianali e con miscele di sostanze non meglio specificate, dannose per la salute, cagionando in un caso la morte di

una donna di 54 anni che versava in realtà in buone condizioni

di salute e non soffriva di alcuna patologia”. 

Uno dei due fratelli è stato accusato dalla Procura di Benevento di

omicidio preterintenzionale

, lesioni aggravate e truffa aggravata (nei suoi confronti sono stati già eseguiti gli arresti domiciliari), mentre il secondo, per il quale

l’obbligo di dimora

è invece in corso di esecuzione, dovrà rispondere dell’accusa di lesioni aggravate. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *