Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Benda, escalation motori dalla Cina: arriva un V4 da 152 CV

Tra i due, quello che più ha attirato l’attenzione di curiosi e addetti ai lavori è stato il grosso propulsore da 1.198 cc. Motore motociclistico di fabbricazione cinese più potente di sempre. Ma non è l’unica novità sul fronte propulsori a V

Durante la sua partecipazione al 18° China International Motorcycle Trade Expo tenutosi a Chongqing, città della Cina centro-meridionale, oltre a presentare la LFC700, futuristico modello cruiser, Benda Motorcycles ha tolto i veli anche a due motori V4 che con tutta probabilità andranno ad alimentare i futuri modelli in uscita nel 2022.

Moto cinesi, sempre più motori di grossa cilindrata: in atto una rivoluzione?

Il motore cinese più potente di sempre

Tra i due motori però, quello che più ha attirato l’attenzione di curiosi e addetti ai lavori è stato il grosso propulsore da 1.198 cc, DOHC, raffreddato ad acqua con quattro valvole per cilindro e una potenza dichiarata di 152 cv. Il motivo? I suoi numeri, a quanto pare, gli conferiscono lo scettro di motore motociclistico di fabbricazione cinese più potente di sempre.

Secondo motore da 496 cc

Tuttavia, non soddisfatti, gli ingegneri Benda hanno voluto proporre al Motor Expo di Chongqing anche una versione dello stesso motore con cilindrata minore. A prima vista il layout resta lo stesso, ma sotto sotto la cilindrata cala fino ad arrivare a 496 cc.

Differenza, questa, che di conseguenza si ripercuote anche sulle prestazioni. Se il primo motore da 1.198 cc può infatti permettersi di sviluppare una potenza importante, il più piccolo – chiamato DB453, le cui foto sono state divulgate dai colleghi di Bennetts) deve accontentarsi di raggiungere picchi di 56 cv a 10.000 giri/min e una coppia massima di 45 Nm a 8.000 giri/min.

Riusciremo mai a vederli in Europa?

Al momento, secondo alcuni rumors, dato che Benda ha già iniziato a sviluppare una rete di concessionari nel Vecchio continente, le probabilità che le sue moto e i suoi nuovi motori raggiungeranno prima o poi in nostri mercati si fanno sempre più concrete.

Staremo a vedere…

La prima (vera) Superbike cinese: se non ora quando?

Fonte: inmoto.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *