Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Autostrade, segnatevi questa data: Italia spaccata in due, otto giorni infernali sulla A1


Sullo stesso argomento:


Tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre rimarrà chiusa per ben otto volte la parte di A1 tra Barberino di Mugello e Calenzano, in entrambe le direzioni, uno dei punti più trafficati del Centro Italia, per turisti e pendolari. “I lavori sono portati avanti dalla società Terna sull’elettrodotto a 380 kV “Bargi – Calenzano”, che si trova in località Carraia. Autostrade per l’Italia può solo adeguarsi e si trova quindi costretta a dover chiudere il tratto della A1. I cantieri, infatti, interferiscono con l’autostrada all’altezza del chilometro 271+640, situato nel comune di Calenzano”, rivela Repubblica.

.

L’autostrada rimarrà chiusa: nelle due notti consecutive di venerdì 24 e sabato 25 settembre, con orario 22-6; dalle 22 di domenica 26 alle 5 di lunedì 27; le due notti di fila di venerdì 1 e sabato 2 ottobre, orario 22-6; le due notti consecutive di venerdì 8 e sabato 9 ottobre, con orario 22-6; infine blocco dalle 22 di domenica 10 alle 5 di lunedì 11 ottobre.Chi arriva da Bologna dovrà uscire a Barberino, da Firenze invece l’uscita sarà a Calenzano. Quasi 17 chilometri di chiusura che portano la viabilità sulla provinciale 8 Barberinese.

Autostrade per l’Italia consiglia di percorrere la provinciale o, in alternativa per le lunghe percorrenze, di compiere un giro molto più lungo esclusivamente su nastro autostradale, ovvero la Cisa: significa prendere la A11 verso Sarzana e proseguire verso Parma (o fare il percorso inverso a seconda della direzione). Non si tratta certo della prima chiusura a luglio fu stoppato il traffico notturno. Su Facebook i pendolari parlano di disagi, “gli orari delle chiusure vengano rispettati almeno in questa occasione”, si chiedono.

comments powered by Disqus.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *