Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Australia-Perù 5-4 dcr: niente Mondiali per Lapadula

AUSTRALIA-PERU 5-4 dcr

AUSTRALIA (4-3-3): Ryan (120′ Redmayne); Atkinson (91′ Karacic), Wright, Rowles, Behich (120′ Goodwin); Irvine, Mooy, Hrustic; Boyle, Duke (69′ Mabil), Leckie (86′ MacLaren). CT. Graham Arnold.
 

PERU (4-3-3): Gallese; Advincula, Zambrano, Callens, Trauco; Tapia, Pena (80′ Aquino), Gonzales Crespo; Carillo (65′ Flores), Lapadula, Cueva (116′ Valera). CT. Ricardo Gareca

Ammoniti: Atkinson, Flores

Eppure la sequenza dei rigori era iniziata nel migliore dei modi per il Perù: l’errore di Boyle e la rete di Lapadula sembravano spianare la strada verso Qatar 2022 proprio alla nazionale sudamericana. L’Australia ha continuato a crederci andando a segno per tutti i cinque rigori successivi. Non ha fatto altrettanto il Perù che dice addio al sogno Mondiali al termine di una gara tiratissima, ad Al Rayyan, dove a farla da padrona è stata la paura di prendere gol da una parte, ma anche la voglia matta di segnarne almeno uno che potesse valere la qualificazione. Ne è venuta fuori una gara equilibrata, di grandissima intensità e agonismo ma corretta, che non si è schiodata nemmeno durante gli extra time.

Ed è servita non solo la qualità ma anche la strategia e quella del Ct Arnold è stata premiata: fare entrare al 120′ il secondo portiere Redmayne. E proprio il portiere del Sydney FC è stato l’eroe della serata dopo la parata su Varela al sesto rigore calciato, che è valsa la vittoria per l’Australia. In precedenza, l’errore di Advincula aveva consentito ai ‘Socceroos’ di pareggiare i conti. In virtù di questo risultato e dunque della qualificazione a Qatar 2022, l’Australia, come da sorteggio già effettuato, sarà inserita nel gruppo D con Francia, Danimarca e Tunisia. Per il Perù tanta delusione, la nazionale di Gareca non riesce a bissare la qualificazione ottenuta quattro anni fa a Russia 2018.

Fonte: sport.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *