Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Audi SQ2: what else?

Motore 2.0 TFSI da 300 CV e 400 Nm di coppia; da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi, trazione integrale quattro, assetto sportivo S e sterzo progressivo di serie: what else?

Inizia la prevendita in Italia della seconda generazione di Audi SQ2, il cui arrivo nelle concessionarie è previsto nel corso del mese di febbraio. Per la nuova Audi SQ2, i prezzi partono da 51.700 euro mentre la versione top di gamma sport attitude parte da 55.600 euro.

Che grinta! Carattere sportivo, 300 CV e da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi: Audi SQ2 abbina versatilità a prestazioni da sportiva e a un design moderno e aggressivamente piacevole. La grinta della vettura è rafforzata dal single frame ottagonale ribassato e dalla griglia ispirata al design poligonale. Le affilate feritoie tra calandra e cofano motore costituiscono un omaggio alla mitica Audi Sport quattro del 1984, icona rallystica del brand. Le prese d’aria, ampliate, rendono ancora più espressivo il frontale, forte di un’inedita firma luminosa.

I proiettori a LED sono di serie. I proiettori Matrix LED con gruppi ottici posteriori a LED e indicatori di direzione dinamici, a richiesta per la versione standard, sono di primo equipaggiamento per la variante sport attitude e costituiscono una novità assoluta per Audi SQ2. Altri elementi distintivi sono le calotte dei retrovisori laterali in look alluminio, le modanature nere ai finestrini, l’esteso spoiler al tetto e l’estrattore che ospita quattro terminali di scarico ovali. I blade in corrispondenza dei montanti posteriori sono verniciati in argento selenite (di serie) oppure in grigio Manhattan, grigio Platino o nero brillante, mentre il pacchetto look nero ampliato prevede molteplici finiture total black.

Sotto il cofano una “belva”. Nello specifico, il 2.0 TFSI di Audi SQ2 eroga 300 CV e 400 Nm di coppia ed è accompagnato da un sound allo scarico roco e possente. In abbinamento al 2.0 TFSI lavorano la trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti e, analogamente a ogni modello della famiglia Audi S, la trazione integrale quattro. Cuore del sistema è la frizione a lamelle elettroidraulica che ripartisce in modo variabile la coppia tra gli assali. Le sospensioni sportive portano in dote un ribassamento dell’assetto di 20 mm rispetto alla configurazione standard di Audi Q2. La vocazione high performance della vettura trova conferma nella specifica taratura dello sterzo progressivo, a servoassistenza e demoltiplicazione variabili, e nel sistema di controllo della stabilità (ESC) che, oltre a consentire di selezionare le modalità standard e off-road, può essere integralmente disattivato.

Audi drive select. La nuova Audi SQ2 può contare sulla gestione della dinamica di marcia Audi drive select, che consente al guidatore di optare per i programmi auto, comfort, dynamic, efficiency e individual, e su cerchi in lega da 18 pollici. Le ruote da 19 pollici, a richiesta per la versione standard, sono incluse nel primo equipaggiamento della variante sport attitude. L’impianto frenante si avvale di dischi anteriori da 340 mm di diametro e posteriori da 310 mm con pinze – a richiesta di colore rosso – corredate del logo S.

Sono previste di serie dotazioni di pregio quali il climatizzatore automatico comfort a due zone, l’Audi smartphone interface, la radio digitale DAB+ e il volante multifunzione plus a tre razze rivestito in pelle. L’Audi virtual cockpit, standard per la variante sport attitude, è caratterizzato da una grafica dedicata. I sedili anteriori sportivi, di primo equipaggiamento, sono rivestiti in tessuto e pelle.

Infotainment. Quanto all’infotainment, il sistema di navigazione MMI plus con MMI touch – di serie – vede confermati i servizi Audi connect navigation & infotainment ed è corredato dello schermo da 8,3 pollici gestibile mediante la manopola a pressione e rotazione collocata lungo il tunnel, con inserimenti touch, o grazie al comando vocale con riconoscimento del linguaggio naturale. Tra le novità nel restyling di Audi SQ2 spicca la previsione di serie dei servizi Audi connect Remote & Control, che forniscono informazioni utili sulla vettura collegandola allo smartphone tramite l’app myAudi, e i servizi Audi connect Safety & Service, in grado di migliorare il comfort e la sicurezza di viaggio. L’Audi smartphone interface, di serie, trasferisce l’ambiente Apple Car Play o Android Auto sul display dell’auto.

Fonte: motori.tiscali.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *