Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Audi R8 Performance Rwd: tecnologia da supercar e guida vecchia scuola

Consegne dal primo trimestre 2022, la nuova variante a trazione posteriore della supercar tedesca guadagna in potenza e coppia. Versioni Coupé e Spyder, disponibili freni carboceramici e sterzo dinamico

Ancora più potente e vicina al mondo delle corse da cui deriva: è l’Audi R8 V10 Performance Rwd. La parola Performance aggiunge 30 Cv e 10 Newton metri alla supercar tedesca con trasmissione a trazione posteriore. Sono inoltre disponibili per la prima volta i freni carboceramici e lo sterzo dinamico. In arrivo nel primo trimestre 2022, sia come Coupé sia come Spyder, i prezzi partono rispettivamente da 168.650 e 181.950 euro.

Audi R8 V10 Performance Rwd, motore e prestazioni

—  

Il motore è sempre il classico V10 5.2 aspirato. La potenza massima ora raggiunge 540 Cv ad 8.000 giri e la coppia massima di 550 Newton metri viene erogata a 6.400 giri. Le prestazioni indicano un’accelerazione 0-100 in 3,7 secondi (3,8 per la Spyder) e una velocità massima di 329 km/h (327 la Spyder). Il cambio automatico a doppia frizione e sette rapporti S tronic è stato adattato alle specifiche della trazione posteriore. Incluso naturalmente il differenziale autobloccante, di tipo meccanico. Il peso a vuoto della Coupé è di 1.590 kg, mentre la Spyder arriva a 1.695 kg (ripartizione anteriore/posteriore 40:60). I consumi dichiarati sul ciclo combinato Wltp sono pari a 12,5-12,9 l/100 km per la Coupé e 13,4-13,8 per la Spyder, mentre le emissioni CO2 toccano rispettivamente 285-293 e 305-313 g/km.

Telaio Audi R8 V10 Performance Rwd

—  

La supercar Audi R8 V10 Performance Rwd è costruita attraverso la Audi Space Frame, una scocca in alluminio e materiale plastico rinforzato con fibra di carbonio. Le sospensioni in alluminio hanno uno schema a doppio braccio triangolare. L’assetto sportivo è di serie, adattato alla trazione posteriore. A richiesta per la coupé si può avere anche la barra stabilizzatrice anteriore in alluminio, carbonio e poliuretano termoplastico, quindi più leggera e rigida. Sterzo elettromeccanico di serie, così come i freni in acciaio. Optional i freni carboceramici e lo sterzo dinamico che ha la demoltiplicazione variabile in funzione dell’angolo di sterzata e la servoassistenza in funzione della velocità. L’elettronica delle modalità di guida è configurata per consentire drift controllati, selezionando il programma Dynamic dall’Audi Drive Select e attivando la modalità sportiva del controllo di stabilità che interviene una volta raggiunto il limite. Sicurezza a braccetto col divertimento quindi. Cerchi di serie da 19 pollici, optional con diametro di 20 pollici.

Design e interni Audi R8 V10 Coupé e Spyder

—  

Il design della R8 stradale è ispirato alla vettura da corsa GT4. La griglia anteriore è in nero opaco, le prese d’aria sono suddivise da listelli verticali. Un omaggio all’Audi Sport quattro degli anni Ottanta le tre fessure piatte all’estremità del cofano anteriore. Nella versione Performance lo splitter anteriore, la griglia in corrispondenza dell’estrattore e le aperture alla base dei fanali posteriori hanno una superficie maggiorata. Nell’abitacolo i sedili sportivi a parziale regolazione elettrica sono rivestiti in Alcantara e pelle. La strumentazione comprende il virtual cockpit da 12,3 pollici.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *