Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Audi Q5 2020: con il restyling è ancora più ibrida

Ampio programma di rinnovamento per il SUV-bestseller di Ingolstadt, che interessa l’estetica, i contenuti e le motorizzazioni. Su strada dopo l’estate.

La lineup “Q” che contraddistingue la produzione Audi “a ruote alte” ed a trazione integrale si arricchisce con l’aggiornamento di Audi Q5, cioè il modello di gamma Sport Utility di Ingolstadt più venduto. La presentazione in anteprima assoluta, oltre a confermare precedenti anticipazioni che avevano trovato spazio nelle prime settimane 2020, ne prepara l’imminente debutto sul mercato.

Sarà su strada dopo l’estate 2020

La nuova declinazione 2020 di Audi Q5, che viene prodotta nelle linee di montaggio messicane di San José Chiapa (medesimo stabilimento del precedente modello) esordirà nelle concessionarie italiane dei “Quattro Anelli” durante il quarto trimestre di quest’anno. Il debutto è dunque prossimo. Più avanti verranno dettagliati i prezzi di vendita, per i quali è possibile attendersi che non dovrebbero cambiare troppo rispetto alla serie in corrente listino.

Edition One per il debutto sul mercato

Come da tempo avviene fra le “new entry” di Ingolstadt, anche il SUV di gamma medio-alta Audi Q5 nella nuova configurazione 2020 verrà proposto in una esclusiva “serie-lancio” Q5 Edition One. Il peculiare allestimento comprende, nell’ordine: finiture esterne basate sulla variante S-Line, cui si aggiungono il “pacchetto” Look Nero e dettagli sportivi dedicati (i monogrammi Audi in “total black”, le barre longitudinali sul tetto ed i gusci degli specchi retrovisori anch’essi in nero, le “minigonne” sottoporta in fibra di carbonio), il kit di luci di benvenuto a Led che all’apertura delle porte proietta sul terreno i “Quattro Anelli” Audi), le pinze freno verniciate in rosso, un set di cerchi in lega da 20”, i sedili semi-anatomici e due tinte carrozzeria in più (Bianco Ghiaccio e Nero Mythos) oltre alle nuove varianti cromatiche esterne Distinct Green ed Ultra Blue.

Corpo vettura: le novità

Il rinnovamento estetico sviluppato per Audi Q5 2020 aggiorna le caratteristiche di stile del SUV-bestseller di Ingolstadt alla più recente gamma del “big player” tedesco: nuova calandra single-frame aumentata nelle dimensioni, prese d’aria laterali più ampie in senso orizzontale e decorate da nuovi inserti; nuovo disegno dei gruppi ottici a Led e, nella zona posteriore, la fanaleria Oled, un motivo luminoso orizzontale ed un nuovo diffusore inferiore.

Dimensioni esterne

A conferma di quanto accennato in merito agli aggiornamenti esteriori, la nuova edizione 2020 di Audi Q5 risulta leggermente aumentata in alcuni ingombri esterni. Di seguito le misure “in pianta”.

  • Lunghezza: 4,68 m (19 mm in più)
  • Larghezza: 1.89 m (specchi retrovisori esterni esclusi)
  • Altezza: 1,66 m
  • Passo: 2.820 mm.
  • Ruote: cerchi in lega da 18”; la gamma comprende tipologie di cerchi fino a 20” e 21”.

Larghezza, altezza ed interasse sono, dunque, le medesime della attuale versione che si prepara ad essere sostituita.

Abitacolo, tecnologie di bordo, capacità bagagliaio

Connettività e infotainment

A bordo di Audi Q5 2020, fa bella mostra di se il modulo MIB 3 con una nuova unità di gestione principale e sistema MMI con display TFT da 10.1” HD provvisto di una nuova e semplificata struttura dei menu. Il sistema infotainment, a comando vocale con riconoscimento della voce naturale, si basa anche sulle conoscenze presenti nel cloud. I servizi online comprendono, fra gli altri, la connettività Car-to-X che condivide con le altre vetture informazioni su entrata e uscita dai parcheggi, eventuali avvisi di pericolo, condizioni della strada e del traffico, limiti di velocità e semafori

Capienza del vano bagagli

Invariata, considerata l’origine di piattaforma che viene mantenuta (dunque accettabile in ragione della versatilità di impiego e delle esigenze del cliente-tipo orientato alla scelta di un veicolo Sport-Utility di fascia medio-alta), la capienza utile al vano bagagli, cui si accede azionando il portellone elettrico.

  • 550 litri nel normale assetto di marcia
  • Fino a 1.550 litri a sedili posteriori completamente abbattuti. Da segnalare la possibilità di adottare le “sedute” posteriori Plus con regolazione in senso longitudinale ed adattamento dell’inclinazione degli schienali.

Motori: al debutto turbodiesel mild-hybrid

Nella fase di ingresso sul mercato, Audi Q5 viene proposta nella configurazione gasolio 2.0 TDI quattro S Tronic provvista della sempre più diffusa tecnologia mild-hybrid (qui con sistema di alternatore-starter RSG azionato a cinghia da 12V) collegata all’albero motore e, illustrano i tecnici di Ingolstadt, funzionale al recupero fino a 5 kW di potenza durante le fasi di decelerazione per immagazzinarla nella specifica batteria agli ioni di litio da cui, successivamente, viene inviata ai dispositivi elettrici di bordo. Allo stesso modo, il modulo “ibrido leggero” che equipaggia Audi Q5 2.0 TDI 2020 viene provvisto della funzione “coasting” che, quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore a velocità comprese fra 55 e 160 km/h, consente al veicolo di “veleggiare” (più correttamente: avanzare per inerzia) a motore acceso così come a motore spento.

Analogamente alle più recenti “release” Audi, anche la nuova Q5 2.0 TDI 2020 dispone del sistema Start&Stop ampliato fino a 22 km/h. ulteriori aggiornamenti: blocco motore in alluminio (20 kg in meno rispetto al pari cilindrata e pari alimentazione precedente), albero motore alleggerito (2,5 kg in meno) ed adozione del sistema SCR Twin-dosing (che aveva debuttato nel 2019 a bordo di Volkswagen Passat “new gen” e gradualmente viene impiegato sulle novità del Gruppo VAG) con doppia iniezione di urea, iniettata “a monte” dei due dispositivi di riduzione catalitica selettiva collocati “in serie”.

Di seguito i dati tecnici ed i valori prestazionali.

Audi Q5 2.0 TDI quattro S Tronic 2020

  • Potenza massima: 204 CV
  • Coppia massima: 400 Nm
  • Trasmissione: cambio S Tronic doppia frizione a sette rapporti; trazione integrale Quattro con tecnologia Ultra
  • Velocità massima dichiarata: 222 km/h
  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h annunciato: 7”6
  • Consumi dichiarati (WLTP) a ciclo combinato: 6,3-6,9 litri di gasolio per 100 km
  • Emissioni di CO2 dichiarate (WLTP) a ciclo combinato: 165-182 g/km.

C’è attesa per le ulteriori versioni ecologiche

Successivamente al “lancio” commerciale, anticipano i vertici di Ingolstadt, la nuova lineup Audi Q5 2020 si arricchirà con l’arrivo in gamma di ulteriori configurazioni di potenza per la variante TDI 4 cilindri (due valori di “cavalleria” in più), di un più grande V6 TDI da 3 litri, anch’esso provvisto di sistema mild-hybrid MHEV, nonché di due varianti “ibrido leggero” 12V a benzina 2.0 TFSI. La gamma si amplierà con anche due configurazioni a sistema ibrido plug-in TFSI, anch’esse su due livelli di potenza.

Dinamiche telaio, programmi di guida e dispositivi ADAS

Relativamente ai sistemi di ausilio attivo alla guida, Audi Q5 porta in dote le più recenti tecnologie (di serie o a richiesta) di supporto al conducente:

  • Audi Pre-sense City con attivazione di segnalazioni acustiche, tattili e visive ed il sistema di frenata autonoma d’emergenza per scongiurare eventuali collisioni
  • Sistema di assistenza alla svolta
  • Avviso di uscita
  • Collision avoid Assist
  • Cruise Control adattivo
  • Traffic jam Assist
  • Active Lane Assist
  • Predictive Efficiency Assistant.

Dal punto di vista dello schema sospensioni, Audi Q5 2020 dispone di geometrie multilink a cinque bracci per l’avantreno e per il retrotreno. Quattro le varianti di assetto: una configurazione di serie più una declinazione sportiva e l’opzione con ammortizzatori regolabili. La versione alto di gamma dispone di un set di sospensioni pneumatiche adattive Adaptive Air Suspension con possibilità di intervenire su cinque differenti livelli di regolazione del settaggio. Ad entrambe le tecnologie di regolazione dell’assetto si abbina il modulo di controllo delle dinamiche di marcia Audi Drive Select, con sette programmi di marcia e, se in abbinamento alle sospensioni pneumatiche, le tipologie di settaggio “Allroad” ed “Offroad”.

Fonte: motori.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *