Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ateca my 2020, in arrivo nuovo look e ancora più contenuti tecnologici. Seat ottimizza la gamma diesel

BARCELLONA – A quattro anni dal lancio Seat Ateca si rinnova con una rivisitazione stilistica che accentua la personalità di questo suv compatto ‘made in Barcellona’ aggiungendo – come piace al mercato – non solo una maggiore efficienza dei propulsori ma anche un più elevato livello di connettività e di sicurezza attiva.

”Oltre 300.000 esemplari venduti dal 2016 – ha commentato Carsten Isensee, presidente di Seat e vicepresidente finanza e IT, in occasione di un evento via web – rendono Ateca una delle vetture di maggiore successo del marchio. La nuova Seat Ateca 2020 è un’evoluzione del modello originale che punta a proseguirne la storia costellata di successi, rafforzando la sua posizione in uno dei segmenti di mercato più importanti”. Per affrontare la sfida del mercato Ateca 2020 propone un design rivisitato soprattutto nella parte frontale.

E’ il risultato della combinazione del più recente linguaggio stilistico di Seat con un look ‘su misura’ per questo modello, che aggiunge un tocco di sicurezza di sé alla personalità e al carattere di Ateca, incrementando al contempo il livello di versatilità nelle condizioni urbane, sia nella guida sulle strade non asfaltate. Da questo ultimo punto di vista spicca il debutto della variante Xperience che affianca le linee Reference, Style e FR e che regala al suv compatto di Seat maggiore robustezza e un carattere più adatto all’off-road.

Cresciuta leggermente in lunghezza (+18 mm) arrivando a 4.381 mm, per effetto del nuovo design del frontale e del paraurti posteriore, Ateca mantiene la stessa larghezza (1.841 mm) e altezza (1.615 mm) del modello precedente. Il frontale include un nuovo paraurti e proiettori anteriori full Led. Il livello FR aggiunge anche una griglia con nuova finitura e altre dettagli specifici. In coda spiccano un nuovo paraurti e le luci inedite posteriori full Led con indicatori di direzione dinamici. Nuovi anche i terminali di scarico (simulati) che aggiungono un tocco in più al design. Nuova Ateca è ora completamente connessa e lo fa integrando la connettività in-car (funzioni e servizi online con full Link e accesso wireless ad Android Auto e a CarPlay) sia out-car con Seat Connect. Il riconoscimento vocale si attiva con la frase ‘Hola Hola’ e gli utenti possono interagire con il nuovo sistema di infotainment da 9,2 pollici usando un linguaggio spontaneo. Nuove finiture valorizzano l’abitacolo di Ateca – come le modanature delle porte e le cuciture nei pannelli – e debutta un volante con design rivisto offre piacevoli sensazioni al tatto, accrescendo il feeling del conducente. Nelle giornate più fredde la corona può anche essere riscaldata, come in modelli di classe superiore. Debutta anche il parabrezza all-weather che comprende le resistenze invisibili Climacoat per ottenere uno sbrinamento completo in appena 2-3 minuti.

L’elenco degli ADAS che innalzano la sicurezza attiva e il confort di guida comprende ora Adaptive cruise, Pre-Crash Assist, Emergency Assist, Travel Assist e Side and Exit Assist, per offrire la massima protezione in qualsiasi situazione. Al lancio commerciale, che avverrà nel terzo trimestre, La Seat Ateca sarà disponibile con una gamma di propulsori benzina (TSI) e Diesel (TDI) ottimizzati per ridurre l’impatto sull’ambiente rispetto alle versioni precedenti.

Come sottolinea la Casa spagnola del Gruppo Volkswagen, il Diesel continua a essere una tecnologia importante nella gamma dei motori di Ateca e per garantire un maggiore equilibrio tra dinamismo ed efficienza i precedenti 1.6 TDI sono stati sostituiti dai 2.0 TDI con tarature da 115 e 150 Cv che oltre a garantire prestazioni migliori (coppia più elevata e maggiore potenza disponibile in una gamma più ampia di regimi) garantiscono emissioni significativamente inferiori. E’ infatti presente un nuovo sistema SCR a doppio dosaggio che include la doppia iniezione di AdBlue per ridurre in modo significativo le emissioni di NOx rispetto ai motori Diesel della precedente generazione. Il risultato è una gamma di motori a gasolio che rispetta i severi requisiti dello standard Euro 6AP in materia di emissioni.

 Da notare che la variante 150 Cv del 2.0 TDI di Ateca è offerta anche con trazione integrale 4Drive e cambio DSG con doppia frizione. La gamma dei propulsori a benzina comprende invece un tre cilindri 1.0 da 110 Cv con processo di combustione secondo il ciclo Miller e turbocompressore a geometria variabile, un 4 cilindri 1.5 da 150 Cv e un 2.0 TSI da 190 Cv anche in variante 4Drive con cambio DSG. Seat ha anche precisato che per il momento non ci saranno varianti ibride o bifuel, soluzioni che sono invece destinate alla famiglia Leon.

Fonte: motori.corriereadriatico.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *