Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Antimafia, Giovanni Melillo è il nuovo procuratore. Battuto Nicola Gratteri


Non c’è stato bisogno di un ballottaggio come si ipotizzava alla vigilia per arrivare alla nomina del nuovo procuratore antimafia e antiterrorismo. Giovanni Melillo, 61 anni, di Foggia, capo di gabinetto di Andrea Orlando quando era ministro della Giustizia e attualmente capo della procura di Napoli, è la nuova guida dell’Antimafia e dell’Antiterrorismo. Lo ha nominato a maggioranza con 13 voti il plenum del Csm. Sconfitto il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che era il suo diretto concorrente. Il procuratore di Catanzaro Gratteri ha avuto 7 voti e l’aggiunto della Dna Giovanni Russo 5. Melillo prende il posto di Federico Cafiero De Raho, in pensione da febbraio scorso.

Melillo – nonostante i possibili imprevisti tra voti e veti incrociati delle correnti – era dato per favorito. Il procuratore di Napoli in passato ha già lavorato a lungo alla procura nazionale, già pm negli uffici giudiziari del capoluogo campano poi è stato nominato aggiunto e quindi capo. Nel suo curriculum anche una parentesi al Quirinale. Gratteri, magistrato in prima linea da anni contro la ‘ndrangheta, era l’unico che poteva aspirare la poltrona, ma non è andato gli oltre 7 voti che erano previsti.

Per Melillo hanno votato, come previsto, i cinque consiglieri di Area (la corrente di sinistra dell’Anm), i due professori indicati da M5S Alberto Maria Benedetti e Filippo Donati, e il laico di Forza Italia Michele Cerabona, avvocato napoletano. Al procuratore di Napoli sono andate anche le preferenze dei consiglieri di Unicost (la corrente di centro) e quelle dei due capi della Cassazione – il primo presidente Pietro Curzio e il Pg Giovanni Salvi – come comunicato nel dibattito. Per Gratteri hanno espresso la loro preferenza i quattro esponenti di Autonomia e indipendenza, Nino Di Matteo e Sebastiano Ardita e i consiglieri Giuseppe Marra e Ilaria Pepe. Per lui anche i due laici indicati dalla Lega Stefano Cavanna ed Emanuele Basile, nonché Fulvio Gigliotti, giurista e calabrese di Catanzaro. A Russo sono andati i voti di Magistratura indipendente e quello del laico di Forza Italia Alessio Lanzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un’informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Riforma del Csm, l’Anm proclama lo sciopero per il 16 maggio: “Astensione totale”

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *