Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Annunciati i programmi 2023 del Volvo Studio milano

MILANO (ITALPRESS) – A introdurre un anno nel quale l’attenzione sarà posta più che mai sul tema della Sicurezza – in funzione dei clamorosi sviluppi che si annunciano sul fronte dell’automazione e dell’intelligenza artificiale legata al mondo automotive è stato annunciato il programma delle attività 2023 del Volvo Studio Milano. Il tema comune sarà quello dell’Ambiente sicuro come contesto ideale per la creatività. Trasferendo tale affermazione alle forme espressive di natura artistica, prende forma il leitmotiv degli appuntamenti con i quali il Volvo Studio ribadirà, anche per i prossimi mesi, il proprio ruolo di luogo per la diffusione della cultura al massimo livello a Milano.
La comunicazione dei programmi 2023 è stata data oggi nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Volvo Studio Milano nella quale, oltre a Chiara Angeli, Head of Commercial Operations Volvo Car Italia e responsabile delle attività del Volvo Studio Milano, sono intervenuti Elisabetta Sgarbi, Editore e Direttore artistico de La Milanesiana; Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale BAM – Biblioteca degli Alberi Milano, Fondazione Riccardo Catella; Irene Crocco, Owner di Viasaterna Arte Contemporanea Milano; Erica Corti, Presidente Triennale di Milano Servizi Srl; Titti Santini, Managing Director Ponderosa Music Art, in rappresentanza dei partner che insieme a Volvo Car Italia definiscono le attività che formano la programmazione del Volvo Studio Milano.
La presenza in conferenza stampa di realtà di assoluto rilievo nel panorama di Milano consolida il valore del Volvo Studio Milano come punto di riferimento nel contesto culturale della città. Per calibrare l’accezione del concetto di Ambiente è utile partire da quello di Habitat, inteso come l’ambiente congeniale alle proprie inclinazioni o ai propri gusti. Quello di Habitat è un tema imprescindibile attraverso il quale esplorare la contemporaneità.
Con Habitat non ci riferiamo solo all’ambiente nel senso di contenitore naturale; è anche lo spazio nel quale si generano le relazioni e le interazioni attraverso le quali costruiamo la nostra idea di noi e di mondo. L’Habitat può essere l’ambiente naturale, un ambiente virtuale, il quartiere dove viviamo, l’abitacolo della nostra auto. Collegato al concetto di Habitat è quello di Umwelt, generalmente definito come ‘universo soggettivo’. I diversi organismi hanno diversi umwelten, anche se condividono lo stesso ambiente. Di fatto, esistono tanti Habitat/Umwelt quanti sono i sistemi sensoriali che abitano il pianeta. Nella visione di Volvo, la finalità dell’azione e del pensiero deve essere la Persona in modo che l’ambiente nel quale si trova sia di fatto un Habitat in grado di proteggerla e valorizzarla. La Sicurezza diventa quindi un elemento essenziale in questa costruzione. Solo quando ci si sente sicuri si è in grado di liberare le energie migliori in senso di creatività, capacità di esplorazione e di immaginazione.
Da sempre filone principale dell’attività del Volvo Studio, la Musica propone quest’anno un collegamento inedito con il mondo dell’Intelligenza Artificiale grazie a EVOLVO. Evoluzioni sonore nello spazio tecnologico, nuovo, esaltante progetto nel segno dell’innovazione tecnologica e dei suoi risvolti nella creatività e nell’arte. Frutto della collaborazione con Ponderosa Music Art, il ciclo di tre appuntamenti serali porta il pubblico a scoprire le nuove frontiere del suono, con suggestioni artistiche in cui l’uomo possa vivere in armonia, con intelligenze artificiali creative, in una sintesi spettacolare di tecnologia, cuore e anima. Una vera e propria residency artistica che vedrà Rodrigo D’Erasmo, Niklas Paschburg e Ricciarda Belgiojoso duettare con Alex Braga ed A-Mint, la prima intelligenza artificiale musicale.
Sarà proprio la prima serata di EVOLVO ad aprire, il prossimo 19 gennaio, la stagione 2023 del Volvo Studio.
Ad affiancare la novità di EVOLVO, il calendario musicale del Volvo Studio Milano propone una serie di gradite conferme. A cominciare dalla seconda edizione del ciclo Un Mare di Suoni, grazie al quale negli appuntamenti in programma fra marzo e aprile si parte di nuovo alla scoperta delle musiche dal Mediterraneo toccando terre come la Turchia e Israele. Qui i suoni evadono i confini: navigano in piena libertà e si mescolano spontaneamente gli uni agli altri.
Il Volvo Studio Milano si conferma inoltre per il sesto anno consecutivo luogo di Piano City Milano ospitando quattro concerti nell’ambito dell’edizione 2023 di uno dei piu’ grandi festival musicali del mondo per numero di spettacoli e affluenza di pubblico. Confermata anche la proposta dei concerti del ciclo Break in Jazz – aperitivo nel dehors accompagnato da musica live di qualità. Protagonisti della rassegna saranno ancora una volta giovani jazzisti laureati in Alta Formazione Artistica e Musicale presso i Civici Corsi di Jazz di Milano, la prestigiosa scuola fondata e diretta dal maestro Enrico Intra. Il Volvo Studio Milano vedrà infine ospitare nel mese di ottobre la quinta edizione del progetto Jam the Future in preparazione degli appuntamenti del festival JAZZMI 2023, ulteriore gradita conferma nel calendario musicale di quest’anno del Volvo Studio Milano.
Dopo l’ottimo risconto avuto lo scorso anno, anche per il 2023 il Volvo Studio Milano ospiterà alcuni degli eventi previsti nella programmazione de La Milanesiana. L’appuntamento coincide con il reveal globale – previsto nel mese di giugno proprio al Volvo Studio Milano – della inedita compatta full electric di Volvo, una delle auto più importanti per il futuro della Casa. Il collegamento con La Milanesiana illustrerà una volta di più la relazione fra Volvo e le Arti.
A cavallo fra espressione artistica figurativa e sonora si colloca il progetto Esplorazioni realizzato in collaborazione con Triennale Milano Teatro. Dopo il successo ottenuto lo scorso anno dalla prima edizione, il ciclo Esplorazioni torna quest’anno a riproporre un viaggio tra danza, musica live e improvvisazione. I quattro appuntamenti in programma manterranno la vocazione alla sperimentazione artistica del progetto e baseranno il processo di creazione artistica sui temi di Habitat e Umwelt, con il Volvo Studio che diventa un ambiente favorevole all’interazione fra corpi in movimento ed esplorazioni sonore.
Al concetto di Habitat si rifà anche Visioni Diacroniche: mondi in dialogo tra ecosistemi naturali e arte contemporanea digitale, il nuovo e suggestivo progetto a cura di BAM- Biblioteca degli Alberi Milano e MNAD – Museo Nazionale di Arte Digitale, Milano che costituisce un assoluto highlight nella proposta legata all’Arte per la stagione 2023 del Volvo Studio Milano e amplia la partnership fra BAM e Volvo, che è Park Ambassador di BAM sin dagli esordi. Visioni Diacroniche si articola su quattro diversi appuntamenti e vede il coinvolgimento di altrettanti artisti internazionali che lavorano sulla trasformazione dell’ambiente mettendo in relazione arte, Habitat e Sostenibilità con il linguaggio dell’arte digitale. L’intento del percorso di arte contemporanea è quello di raccontare la visione degli artisti sul tema dell’ambiente e della sua percezione, ognuno con la propria estetica e la propria idea di rappresentazione artistica. Si parla invece di quotidianità dell’arte con Viasaterna Arte Contemporanea, che porta al Volvo Studio Milano giovani artisti da scoprire, con la peculiarità dell’esposizione prolungata delle opere negli uffici stessi del Volvo Studio. “È quasi pleonastico sottolineare quanto sia importante nel mondo attuale il concetto di Sicurezza. Ha affermato Chiara Angeli, Head of Commercial Operations di Volvo Car Italia e responsabile dell’attività del Volvo Studio Milano. “Ciò è più che mai vero anche nel contesto automotive, ora che è così importante prendersi cura del pianeta, ora che ci stiamo apprestando a entrare in un’era nella quale automazione e intelligenza artificiale giocheranno un ruolo decisivo e si dimostrano già in grado di ‘capire’ l’ambiente circostante e lo stato psicofisico di chi guida, in un’evoluzione spettacolare del concetto di interfaccia uomo-macchina. Al Volvo Studio Milano raccontiamo il viaggio di Volvo verso la mobilità sostenibile del futuro, e lo facciamo attraverso forme di espressione artistica che raccontino i valori del nostro brand. L’elettrificazione è per noi un elemento quasi scontato nel cammino verso la Sostenibilità, per cui siamo andati oltre e ci siamo dati la Sicurezza come filo conduttore di quest’anno. Una sicurezza fatta di nuove frontiere tecnologiche e sensazioni dell’individuo, una sicurezza che libera ed eleva l’anima. Come sempre ospiteremo opere e artisti capaci di coinvolgere il pubblico nella loro visione dei nostri temi. Ed è stato un vero onore per me avere oggi in conferenza stampa i rappresentanti dei partner che contribuiscono alla definizione delle attività del Volvo Studio e che ci consolidano nel panorama della Cultura milanese al massimo livello”.foto: ufficio stampa Volvo Cars Italia
(ITALPRESS).
tvi/com
16-Gen-23 13:48

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *