Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Anche la Germania verso il lockdown generale, in Baviera stop totale per tre settimane nelle zone più critiche

La situazione in Germania si fa sempre più complicata. Nelle zone della Baviera, più colpite dal Covid, sarà «chiuso tutto, fino al 15 dicembre», tranne «scuole e asili infantili», come ha annunciato il presidente Markus Soeder. «Serve un freno di emergenza duro», ha tuonato. E, intanto, vengono disdetti tutti i mercatini di Natale, chiuse per tre settimane le discoteche e i bar e prescritta la riduzione dei contatti per i non vaccinati. Preoccupato anche il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, che oggi, 19 novembre, in conferenza stampa a Berlino, ha lanciato un appello forte e chiaro insieme al ministro della Salute Jens Spahn. «Non possiamo assolutamente perdere tempo», ha detto. «Dobbiamo ridurre i contatti per rallentare la dinamica. Ogni giorno si contagiano 10 mila persone nel nostro Paese. In un quarto dei distretti tedeschi l’incidenza è sopra 500, in 12 di questi sopra i 1.000», ha aggiunto. In questo momento, dunque, la Germania «è un unico grande focolaio. Siamo in un’emergenza nazionale. Bisogna tirare adesso il freno di emergenza». Per Wieler «non basta più» nemmeno l’imposizione del 2G (ovvero del Green pass solo per i vaccinati e i guariti). L’incidenza del tasso ospedaliero, infatti, supera 3 pazienti ricoverati da Covid su 100 mila abitanti. I contatti, a questo punto, vanno ridotti e in maniera massiccia. Per tutti. E non si esclude più nemmeno il lockdown: «Siamo in una fase in cui non dovremmo escludere nulla», ha concluso il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, rispondendo a una domanda sul perché la Germania non vada subito in lockdown. Per usare le parole della Cancelliera tedesca Angela Merkel, la situazione è «drammatica».

Foto in copertina: ANSA/FILIP SINGER

Leggi anche:

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *