Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Alessia Piperno rilasciata: sta tornando in Italia dall’Iran

“Dopo un intenso lavoro diplomatico oggi Alessia Piperno è stata rilasciata dalle autorità iraniane e si appresta a tornare in Italia. La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nel ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a che Alessia riabbracci i familiari, ha informato i suoi genitori nel corso di una telefonata, pochi minuti fa”.

Alessia Piperno detenuta in Iran: contatti tra i ministri di Roma e Teheran

Lo rende noto palazzo Chigi. Meloni ha informato personalmente i genitori di Alessia Piperno del rilascio della ragazza.

L’arresto di Alessia Piperno in Iran, il regime: “Gli stranieri rispettino le leggi”

L’arresto a Teheran

Piperno era stata arrestata in Iran il 28 settembre scorso, il giorno del suo compleanno, mentre era in viaggio nel Paese, uno dei tanti fatti negli ultimi dieci anni da travel blogger, viaggiatrice digitale e “solitaria”, come lei stessa si definisce sui suoi profili social. 

Iran, rivolta nel carcere dei dissidenti dove è detenuta Alessia Piperno

Era arrivata in Iran dal Pakistan e si era trovata a Teheran proprio nei giorni in cui sono scoppiate le manifestazioni per la morte nelle mani della cosiddetta polizia morale di Mahsa Amini. una 22enne curda arrestata perché non indossava correttamente il velo, secondo la polizia.

Iran, sale a 8 il bilancio delle vittime nell’incendio del carcere di Evin

La detenzione a Evin

Le autorità iraniane non avevano spiegato le ragioni dell’arresto, ma avevano messo il fermo in connessione con le proteste e l’accusa rivolta a una serie di cittadini stranieri di avervi partecipato o di averle fomentate.

Piperno era stata portata nel carcere di Evin, dove la sera del 15 ottobre è scoppiato un vasto incendio e dove ci sono stati scontri tra detenuti e forze di sicurezza, con almeno 8 morti.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *